Come vendere il mio miele se l’apicoltura non è l’attività principale?

apicoltore_telaino_melario_vita-in-campagna
Allevamenti, Api
la Redazione
Sono dipendente d’azienda con moglie e figli a carico, senza obbligo della dichiarazione dei redditi. Svolgendo attività di apicoltura per l’autoconsumo, vi chiedo come posso regolarizzarla in modo da poter vendere il miele e altri prodotti, pur continuando a essere dipendente d’azienda.
La risposta della redazione.
Per poter svolgere l'attività di apicoltura non più a livello hobbistico, ma con lo scopo di vendere il miele prodotto, è innanzitutto necessario aprire la partita Iva. L'apertura della partita Iva non implica l'obbligo di tenere la contabilità (e nemmeno di fare dichiarazione Iva o Irap o relativi versamenti d'imposta) se non si superano i 7.000 euro di corrispettivi (vendite) all'anno. È sufficiente archiviare per anno le fatture di acquisto e le eventuali autofatture di vendita (emesse dall'acquirente se ha partita Iva, mentre per le vendite ai privati non va emesso alcun documento). Questo significa che non è nemmeno necessario fare la dichiarazione dei redditi, se questa non si rende necessaria per altri motivi (ovvero detrazioni di spese sostenute ecc.). In tal caso sarebbe anche possibile presentare il modello 730. Si può quindi continuare a fruire delle detrazioni per carichi di famiglia con il modello CU (ovvero nelle buste paga mensili), come già avviene. Avendo già un lavoro dipendente, non si rende necessaria nemmeno l'iscrizione all'Inps dell'apicoltore. Qualora si intendesse effettuare la vendita diretta del miele attraverso dei posti fissi in luoghi pubblici è invece necessaria anche l'iscrizione alla Camera di Commercio. Questo comporta il versamento del diritto annuale, che sarebbe l'unica spesa supplementare.
apicoltura-tecnica-e-pratica_alessandro-pistoia_vita-in-campagna_edizioni-l-informatore-agrario

Apicoltura, tecnica e pratica. La nuova edizione

Professionisti e appassionati vengono guidati alla conoscenza del «superorganismo» alveare e dell'allevamento delle api. In modo chiaro e puntuale, grazie alla sua decennale esperienza e competenza in materia, l'autore tratta il mondo dell'apicoltura a 360 gradi fornendo le basi per chi si approccia alla materia, ma anche nozioni e indicazioni tecniche che soddisferanno gli apicoltori più esperti. Scopri di più »
 

Potrebbe interessarti anche

Patate
Patate: come evitare che germoglino in magazzino Si può dire che se per conservare adeguatamente le patate è facile disporre di un ambiente buio, avere la temperatura adatta di conservazione è più difficile. Se la temperatura del luogo di conservazione delle patate… (continua)
Rami secchi di albicocco colpito da monilia
Formazioni gommose sui rami e fiori secchi di albicocco Le formazioni gommose sulla pianta di albicocco sono causate da infezioni di monilia (Monilia laxa). Si tratta di un fungo microscopico che sverna nei cancri gommosi presenti sui rami della pianta e i cui elementi… (continua)

Approfondimento

capra tibetana nana tibetana – Copia Allevamenti
Recinto elettrico per capre, ecco come farlo Le recinzioni elettriche rappresentano un valido e comodo sistema per dedicare, con estrema comodità, dei terreni al pascolamento delle capre. Una recinzione per capre può essere realizzata con tre fili… (continua)
Gallina_Gallo_Moroseta – 410×240 Allevamenti
Gallina Moroseta: razza dal piumaggio unico Nel nome stesso della gallina Moroseta sono racchiuse le due principali particolarità che caratterizzano questa razza: il colore nero della pelle (da cui moro), la consistenza setosa del piumaggio al… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER