Peperoncini: essiccazione delle varietà piccanti

peperoncini
la Redazione
18 agosto 2017

Gli usi dei vari tipi di peperoncino sono tantissimi, spesso legati a tradizioni locali, ma anche alla fantasia di chi cucina. Per le varietà piccanti, comunque, si ricorre generalmente all'essiccazione

Essiccare i peperoncini in 4 passaggi

1. in agosto-settembre, utilizzando un ago piuttosto grande, infilate un doppio o triplo filo da cucito nel peduncolo del frutto;
2. procedete in questo modo, infilando una dopo l’altra le bacche da essiccare;
3. formate delle catene lunghe circa 50 centimetri;
4. Appendete le catene in un luogo ombreggiato. Alla sera, per evitare l’umidità notturna, le catene vanno riposte in luogo chiuso, fresco e asciutto. Dopo circa 20 giorni i peperoncini saranno completamente essiccati.

Per un’essiccazione dei peperoncini più veloce, si può utilizzare l’essiccatore. Una volta essiccati, i peperoncini si conservano in barattoli di vetro che andranno riposti in luoghi freschi e asciutti. I peperoncini si possono macinare utilizzando un macinacaffè oppure un frullatore, che dovranno essere puliti accuratamente prima e dopo l’utilizzo. Anche i peperoncini macinati vanno conservati in un contenitore ben chiuso e tenuto in un luogo fresco e buio.

Dal 23 al 27 agosto 2017, Vita in Campagna ha partecipato attivamente alla 7ª edizione di «Rieti Cuore Piccante», fiera campionaria mondiale del peperoncino. Leggi com’è andata »


peperoncino-155pixel-borde-2pxScopri tutto sul peperoncino, dalla semina al consumo

Coltivare piante di peperoncino regala il duplice piacere di una bella pianta ornamentale e frutti utilizzabili in cucina. Tra le moltissime varietà esistenti, nel libro “Peperoncino: dalla semina al consumo” l’autore, Claudio Dal Zovo, propone ben 18 varietà, spaziando dalle ornamentali alle mangerecce, alle molto e super hot, alle selvatiche, di cui mette in evidenza i caratteri distintivi. Fornisce poi preziose indicazioni per aiutare chiunque nella coltivazione, sia che si opti per quella in vaso che per la messa a dimora. Non mancano suggerimenti per prevenire e curare le avversità che li colpiscono. Una volta raccolti, i peperoncini possono essere consumati freschi o conservati secondo diverse modalità.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Potrebbe interessarti anche

Lattuga in vaso coltivata su un terrazzo
7 ortaggi da coltivare sul balcone 1. Lattuga I tipi maggiormente consigliabili sono quelli da taglio che, collocati in posizione riparata, possono essere raccolti precocemente in primavera e fino al tardo autunno. Anche indivia riccia e scarola si prestano bene al terrazzo. È… (continua)
Rosaio rampicante Pierre de Ronsard
Come piantare nuove rose e quando Dopo aver scelto un luogo soleggiato (le rose devono avere a disposizione almeno 5-6 ore al giorno di luce diretta del sole), quando il terreno non è più gelato o troppo intriso d’acqua, realizzate una… (continua)

Approfondimento

016#09289_(1111)-foto-16 Cucina
Il pane di San Martino È un pane che si presta ad accompagnare piatti a base di carni rosse, ma è delizioso a colazione, spalmato con marmellate o confetture non particolarmente dolci. Ingredienti: 400 grammi… (continua)
foto 14 biscotti con crusca bollita Cucina
Biscotti con la crusca: una ricetta per non buttare via nulla Per non buttare la crusca utilizzata per preparare un detergente naturale si possono cucinare dei biscotti: la ricetta prevede 100 grammi di crusca (la metà della dose indicata e usata… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER