Macchie scure su basilico: infezione di peronospora

foglie basilico coltivazione
la Redazione
11 aprile 2018

In questo articolo viene indicato l’utilizzo di prodotti fitosanitari in commercio e ammessi per la coltura in oggetto al momento della pubblicazione online. Verifica sempre, prima del suo utilizzo, che il principio attivo sia ancora registrato per questa coltura.

Perché si sviluppa e come prevenire la peronospora sul basilico

Se le foglie di basilico sono invase da una muffa di colore scuro (come nella foto in basso), con molta probabilità si tratta di infezioni di peronospora (Peronospora lamii). Questa malattia, segnalata nel 1999 e che interessa anche la salvia, si manifesta inizialmente con l’ingiallimento di porzioni del lembo fogliare, seguito dopo appena 3-4 giorni dallo sviluppo di una muffa di colore grigio-olivastro. In presenza di forti infezioni le foglie anneriscono completamente e si seccano, rimanendo in genere attaccate alla pianta. La malattia colpisce anche i germogli e, quando interessa giovani piante, riesce a causarne la morte. Si manifesta in genere nella prima metà di maggio, per poi scomparire nel periodo estivo e ripresentarsi nei primi mesi autunnali. Maggiormente colpite sono le piante troppo fitte, coltivate in ambienti umidi e poco ventilati.

peronospora basilicoCome prevenire la peronospora sul basilico

Per ridurre l’aggressività della peronospora occorre evitare le irrigazioni serali, in quanto sviluppano un elevato livello di umidità relativa negli strati di atmosfera ove è presente la massa fogliare, e occorre evitare di bagnare le foglie. Per contrastare le infezioni si può intervenire in maniera preventiva, in genere a partire da fine aprile-inizio maggio, realizzando, con turni di una decina di giorni, 3-4 trattamenti a base di solfato di rame tribasico-15,2 (bio, non classificato), alla dose indicata in etichetta e rispettando il tempo di sicurezza fra il trattamento e la raccolta.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Potrebbe interessarti anche

trapianto-cipolla
Cosa trapiantare a giugno nell’orto I periodi di trapianto indicati si riferiscono generalmente al clima della Pianura Padana (0). Orientativamente i lettori delle zone a clima più mite devono anticipare in inverno-primavera e spesso posticipare a fine estate-autunno le pratiche colturali fino anche a 25-30 giorni. In… (continua)
taglio_prato_gairdino_rasaerba_atezza_taglio_prato – Copia
L’altezza del taglio del prato va aumentata con le temperature estive Nei mesi caldi, dalla primavera all’estate, nelle zone climatiche mediterranee occorre aumentare l’altezza di taglio del prato del 25-30% rispetto ai mesi più freschi, per proteggere la delicata zona del colletto delle piante dalla forte… (continua)

Approfondimento

Topinambur-coltivato-orto-coltivare Orto
Coltivate il topinambur nell’orto di casa Il topinambur, detto anche ciapinabò, tupinabò, taratufolo, trifola, patacca, carciofo di canna, patata del Canada, ecc., è una pianta erbacea spontanea, parente stretta del girasole, dal quale però differisce per… (continua)
Compost alimentato con nuovo materiale Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER