Vigneto familiare: senza obblighi di legge

Vigneto familiare
la Redazione
3 marzo 2016

Non serve l'acquisto di quote o di diritti di impianto per coltivare un piccolo vigneto a uso familiare. Scopriamo quali regole rispettare

Per un vigneto familiare la superficie di vigneto ammessa è di massimo 1.000 metri quadrati (con cantina di trasformazione che non superi i 1.000 litri di vino prodotti). A queste condizioni non ci sono vincoli né obblighi di acquisire quote di impianto.

Oltrepassare questi limiti significa, invece, inserirsi in un’attività professionale e adeguarsi agli obblighi in materia di diritti d’impianto. Di conseguenza scattano anche l’obbligo di denuncia di produzione dell’uva e della cantina (con relativa planimetria, posizioni delle botti, ecc.) e la tenuta dei relativi registri di imbottigliamento. Perciò, se 1.000 litri di vino sono sufficienti per soddisfare i consumi familiari e di parenti o amici, il consiglio è di rimanere nel limite dei 1.000 metri quadrati.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

innesto triangolo 410×240 Frutteto
Innestare piante da frutto: i concetti base Affinché l’unione (attecchimento) delle due parti si verifichi regolarmente è necessario che si realizzino alcune condizioni fondamentali, e cioè: che esista affinità fra i due bionti; che la marza, di… (continua)
Campionamento del terreno Frutteto
Analisi del terreno: il campionamento Le caratteristiche del terreno sono molto variabili e non è possibile ottenere campioni omogenei e attendibili su superfici troppo vaste, superiori a 2 ettari. Dalla superficie da campionare vanno escluse le… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER