Mangiare aglio crudo, alcuni consigli per evitare l’alito cattivo

Aglio crudo tagliato sul tagliere
Alimentazione
la Redazione
So che mangiare aglio crudo fa bene. Vi chiedo se esistano metodi pratici per mangiare aglio crudo senza troppi inconvenienti. Io, per esempio, lo ingoio dopo aver nascosto uno spicchio in un boccone di banana. Voi cosa suggerite?
La risposta della redazione.
Effettivamente mangiare aglio crudo – utile nell’ambito di una terapia antibatterica (per esempio in caso di tonsilliti, raffreddori, bronchiti nella dose di 3-4 spicchi al giorno), oppure per le proprietà benefiche sul sistema cardiovascolare (uno spicchio al giorno aiuta ad abbassare la pressione arteriosa, riduce il colesterolo sanguigno, previene l’arteriosclerosi) – presenta qualche difficoltà. Difficoltà dovuta all’aroma tipico dei principi attivi di questa pianta, non gradito a tutti ed eliminato in abbondanza dalle vie respiratorie (ma anche attraverso le orine e la pelle). Contemporaneamente, va ricordato che l’aglio crudo fa aumentare la secrezione acida dello stomaco ed è generalmente poco tollerato da chi soffre di gastrite. Come si può regolare, dunque, chi desidera sfruttare non solo le virtù gastronomiche dell’aglio, ma anche le sue proprietà medicinali? Il lettore suggerisce un metodo efficace. Un altro sistema, a metà tra il gastronomico e il terapeutico, consiste nello sfruttare le proprietà deodoranti della clorofilla (il pigmento che rende verdi le foglie). In pratica, basta mettere nel mortaio di marmo o nel frullatore una bella manciata di aromi freschi (prezzemolo, ma anche basilico, maggiorana, origano, salvia, ecc.) e aggiungere qualche spicchio di aglio spellato; si può completare, se si vuole, con qualche cappero e qualche cucchiaio d’olio, necessario sia per favorire la realizzazione di una crema aromatica, sia per «catturare» gli aromi dell’aglio che sono liposolubili (si sciolgono bene nei grassi). Pestando o frullando il tutto, si ottiene una crema (un pesto da spalmare sul pane o sulla polenta, ma perfetto anche per condire una pasta o un riso o, ancora, per arricchire un minestrone) che contiene tutte le virtù date dal mangiare aglio crudo, ma il cui sapore sarà notevolmente attenuato dall’abbondante presenza di clorofilla.

Potrebbe interessarti anche

Bosco in autunno
Perché in autunno cadono le foglie Le foglie di molte specie di piante cadono in autunno (per questo motivo piante definite «caducifoglie») per un preciso scopo, ovvero come meccanismo di difesa contro il gelo invernale che ne distruggerebbe le tenere cellule. Il distacco è… (continua)
Kaki mela
Kaki mela non è l’incrocio tra melo e kaki Anzitutto precisiamo che si chiama kaki mela e non esiste assolutamente un melo-kaki risultato dall’incrocio tra melo e kaki. Invece esiste appunto il kaki mela, cioè il kaki i cui frutti, per forma e altre caratteristiche,… (continua)

Approfondimento

Lattuga da taglio orto Alimentazione
Lattughe da taglio nell’alimentazione, caratteristiche positive e negative Le lattughe contengono il 95% d’acqua: una quantità abbondante che si rivela una vera risorsa per il metabolismo. In secondo luogo, la lattuga è ricca di vitamina A: questo significa… (continua)
Tavola imbandita per la colazione Alimentazione
Colazione all’italiana: energetica e salutare La colazione all’italiana prevede alimenti consigliati per iniziare bene la giornata. Gli esperti ritengono che a colazione sia opportuno consumare dal 15 al 25% della razione calorica giornaliera, cioè circa 250-450… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER