L’Associazione Nazionale Città della Nocciola e la valorizzazione del prodotto

nocciole-italiane
la Redazione
7 luglio 2022

Dal 2004 è la realtà che si impegna per lo sviluppo della corilicoltura italiana, la tutela della biodiversità e la crescita dell’economia dei territori vocati

Favorire un turismo eco-compatibile e bilanciato nella prospettiva della crescita e della riscoperta gastronomica, medica, estetica delle proprietà della nocciola. Questo l’obiettivo principale dell’Associazione Nazionale Città della Nocciola, che si è costituita a Giffoni Sei Casali il 30 aprile 2004. Ne fanno parte quei paesi e quelle città produttrici di nocciole le cui comunità sono dedite alla coltivazione, alla lavorazione o alla commercializzazione del prodotto con denominazione di origine. All’associazione possono però legarsi anche quei comuni che conservano la storia, la tradizione o la cultura del frutto. In totale sono oltre 800 le città italiane coinvolte nella produzione di nocciole, ed alcune aree hanno già ricevuto riconoscimenti di qualità. 

Ciò che distingue i territori che hanno scelto di diventare Città della Nocciola, è la consapevolezza che la propria identità culturale proviene da questo frutto, che la storia della gente dei luoghi della nocciola ne è stata inevitabilmente condizionata, sia nell’ottica delle dinamiche del lavoro che dell’emancipazione e della trasformazione delle relazioni sociali ed economiche. Tutte motivazioni che trasformano luoghi semplici, e a volte ancora sconosciuti, in perfette unità sensoriali con un effetto imprevisto di amplificarne una fisicità tattile, storico-culturale, e turistica.

L’Associazione porta avanti progetti di tutela della nocciola attraverso politiche di sviluppo eco-compatibile della corilicoltura, di difesa delle tipicità, dell’autenticità e della qualità del frutto, in tutte le sue diversità presenti sul territorio nazionale. Lavora a piani di marketing e di divulgazione delle conoscenze legate al frutto, perché ciò costituisca una valorizzazione delle risorse naturali ed economiche delle aree interessate a questa coltivazione.

Ma l’Associazione mira a diventare anche un’opportunità per l’emancipazione del turismo enogastronomico e naturale, laddove non esiste ancora un’utenza pronta a rispondere ad esigenze specifiche dei visitatori ed operatori del sistema. In questa chiave di intenti, amare la nocciola significa unire i popoli nella reciproca conoscenza delle tradizioni, sostenerli offrendo opportunità lavorative che nasceranno durante la crescita di un sistema di rete tra i comuni della penisola, scoprire il costume e le potenzialità economiche dei paesi e favorire la ricerca. Il progetto che motiva l’Associazione trova inoltre conferme nell’attuale carattere transnazionale delle merci e dell’informazione, cavalcando le sovrastrutture globali, ma rimanendo sempre ancorato alle identità locali che ne sono l’anima.

L’Associazione Nazionale Città della Nocciola si muove dunque su più fronti. È impegnata a stimolare gli enti locali nella promozione e nella difesa della biodiversità, delle risorse paesaggistiche, ambientali e culturali delle zone legate alla coltivazione della nocciola, intraprendendo anche percorsi normativi e di rivisitazione dell’ordinamento nazionale e regionale in materia.

Città della Nocciola si occupa anche della mappatura delle aree geografiche in cui è presente la nocciola, approfondendo studi sulla diffusione del frutto in Europa e nel mondo, prendendo contatti con altri paesi e nazioni al fine di ricostruire l’antica storia di un frutto che porta con sé storie umane individuali, ma anche racconti straordinari della trasformazione del costume e dell’economia nei secoli.

Numerose sono le manifestazioni promozionali sulla nocciola italiana, sulle tecniche di lavorazione e di diffusione del frutto, organizzate dall’Associazione, oltre a incontri sulle potenzialità e le problematiche relative alla corilicoltura, che coinvolgono enti associati, istituzioni pubbliche e private, società, associazioni, organizzazioni, università, centri di ricerca e sperimentazione, coinvolgendoli.

L’Associazione si occupa anche di realizzare carte turistiche, guide, percorsi didattici (rivolti a scuole, gruppi di lavoro, escursionisti), percorsi gastronomici, eventi fieristici nazionali e internazionali, attività editoriali (pubblicazioni, manuali, opuscoli illustrativi, video-documentari); di individuare, riconoscere e promuovere i marchi d’origine protetta della nocciola nelle regioni, nelle province o nelle comunità italiane con apposito registro; di favorire l’attività commerciale, anche attraverso la costituzione di strutture commerciali di secondo grado; di stringere patti o gemellaggi con enti ed organizzazioni di carattere internazionale, nazionale, regionale e provinciale, finalizzati esclusivamente alla promozione di questo frutto prelibato e salutare. 


enti-istituzioni-webinar-nocciola

L’iniziativa è finanziata dal Psr Calabria 2014/2023, attraverso la misura 3, intervento 3.2.1 Aiuti ad attività di informazione e promozione implementate da gruppi di produttori sui mercati interni.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

rugiada 410×240 Redazione
23-24 giugno: è la notte magica di San Giovanni Secondo i proverbi contadini la rugiada che scende all’alba della notte tra il 23 e il 24 giugno ha proprietà magiche che si effondono sulle erbe di giardini, prati e… (continua)
coniglio-selvatico Redazione
Riconoscere le tracce del coniglio selvatico Il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus) vive tipicamente nella macchia mediterranea, ma la sua grande adattabilità gli ha permesso di colonizzare vari tipi di ambiente. È presente pertanto dalla pianura alla… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER