L’antica tradizione di predire il tempo con le cipolle

predire meteo anno cipolle tradizioni campagna civiltà contadina_03
la Redazione
21 gennaio 2020

Un tempo nelle campagne la notte del 24 gennaio era considerata una notte magica durante la quale, leggendo i segni della natura, si poteva «prevedere» il futuro

Un tempo, in campagna, per prevedere l’andamento climatico dell’anno ci si affidava a metodi più legati alle credenze popolari e alle superstizioni che alla scienza.

Tra questi metodi ve n’era uno – che in tanti utilizzano ancora oggi – che prevedeva l’uso delle cipolle e che si poteva praticare solamente nella notte del 24 gennaio, festa dedicata alla conversione di San Paolo, ma popolarmente chiamata San Paolo dei segni della natura, proprio perché, leggendo determinati segni, si poteva «predire» il futuro.

Ecco come si fa

Si taglia una cipolla in quattro spicchi dai quali ricavare 12 «petali», corrispondenti ai mesi dell’anno. Si mettono su un tagliere e su ciascuno si pone un pizzico di sale grosso. Si lascia il tagliere all’aperto per tutta la notte. La mattina successiva si controlla: i mesi/petali su cui si è formata l’acqua corrispondono a mesi molto piovosi, gli altri a quelli asciutti o addirittura siccitosi.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

rugiada 410×240 Redazione
23-24 giugno: è la notte magica di San Giovanni Secondo i proverbi contadini la rugiada che scende all’alba della notte tra il 23 e il 24 giugno ha proprietà magiche che si effondono sulle erbe di giardini, prati e… (continua)
coniglio-selvatico Redazione
Riconoscere le tracce del coniglio selvatico Il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus) vive tipicamente nella macchia mediterranea, ma la sua grande adattabilità gli ha permesso di colonizzare vari tipi di ambiente. È presente pertanto dalla pianura alla… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER