Cosa coltivare dopo gli asparagi

Asparago appena raccolto
Orto
la Redazione
Ho un’asparagiaia a fine ciclo produttivo. Posso coltivare fragole nell’aiola dopo aver estirpato le piante?
La risposta della redazione.
Dopo aver estirpato le piante di asparago è opportuno non coltivare una specie piuttosto esigente come la fragola; è preferibile, invece, mettere a dimora per uno-due anni ortaggi appartenenti alla famiglia delle Leguminose (per esempio fagiolo, fagiolino, pisello, ecc.), perché arricchiscono il terreno di azoto. Successivamente, prima di mettere a dimora le piante di fragola, è consigliabile interrare letame maturo (3-5 kg per metro quadrato) oppure compost (3-4 kg per metro quadrato) o, in mancanza di essi, letame essiccato pellettato, comunemente reperibile in commercio (per le quantità da impiegare occorre fare riferimento alle istruzioni riportate sulla confezione). L’apporto di letame (oppure di compost o di letame essiccato pellettato) che, ricordiamo, migliora lo stato fisico del terreno, aumenta la capacità di trattenere l’acqua, ecc., viene considerato come la premessa per la buona riuscita della coltura della fragola, specie che riesce al meglio in suoli ben dotati di sostanza organica.

Approfondimento

interfilare seminato con essenze attrattive per gli insetti utili Frutteto
L’inerbimento favorisce insetti e acari utili e arricchisce gli agrosistemi La presenza di erba in prossimità di aree coltivate consente l’insediamento di insetti e acari, predatori e parassiti utili, che contribuiscono al contenimento di quelli dannosi, nonché dei pronubi (api,… (continua)
impianto-irrigazione-orto Orto
Come irrigare gli ortaggi pur avendo poco tempo a disposizione Nella gestione e nella cura dell’orto, l’irrigazione è senza dubbio l’operazione che richiede più tempo in assoluto, soprattutto in annate che presentano lunghi periodi siccitosi. Per ottimizzare il lavoro, e… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER