Uova con guscio sottile: attenzione alla salute delle galline

Galline ovaiole
Allevamenti
la Redazione
Ho tre galline ovaiole che tengo in un recinto coperto di 2×4 metri. Da circa un mese il guscio delle uova che depongono si è assottigliato moltissimo. Questo nonostante continui a somministrare loro un buon mangime per ovaiole, arricchendo la dieta con gusci d’ostrica sminuzzati, erbe e verdure.
La risposta della redazione.
La somministrazione di gusci d’ostrica sminuzzati, erbe e verdure è una condizione fondamentale per una corretta formazione del guscio delle uova. Si può quindi escludere che in questo caso il problema delle galline sia legato a fattori alimentari. Rimangono perciò solo due possibilità: uno scarso benessere d’allevamento e/o la presenza di malattie. Se le galline non hanno la possibilità di fare il cosiddetto «bagno di sole» ­– ipotizzando che la copertura impedisca ai raggi solari di raggiungere gli animali nel recinto – il loro stato di benessere è in parte compromesso e una delle conseguenze di questa condizione può essere proprio la produzione di uova con il guscio sottile e di minor qualità nutrizionale. Anche la presenza di malattie, magari in forma latente (come avviene spesso per la pseudopeste) può determinare possibili alterazioni dell’apparato riproduttivo e la conseguente produzione di uova con il guscio sottile. In questo caso si interviene lasciando innanzitutto che una zona del recinto venga raggiunta dai raggi solari, eliminando parte della copertura. Verificare poi con l’aiuto di un veterinario o di un istituto zooprofilattico (basta un semplice esame sierologico) la presenza di pseudopeste e, in caso di positività, destinare l’animale alla mensa.

Approfondimento

Quaglia selvatica Allevamenti
Ecco come allevare la quaglia La quaglia selvatica (Coturnix coturnix) è un piccolo uccello (80-100 grammi di peso) molto prolifico, allevato sia per la produzione di uova che di carne. La deposizione inizia già al… (continua)
Pecore Suffolk Allevamenti
Suffolk, pecora che non passa inosservata L’allevamento della pecora Suffolk in un pascolo recintato è naturale, non inquinante e a ciclo chiuso: il terreno fornisce l’erba, le pecore mangiano l’erba, i loro escrementi concimano il terreno,… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER