Controllo dei polloni dell’olivo

polloni olivo olivicoltura
Frutteto, Olivo
la Redazione
Per impedire la nascita dei succhioni sui miei olivi, quest’anno ho provato a mettere intorno alla base dei tronchi un sacco nero abbastanza resistente a mo’ di pacciamatura. Credete che possa rappresentare un valido sistema?
La risposta della redazione.
Il lettore si riferisce sicuramente ai polloni, cioè alle formazioni vegetative che nascono tra fusto e radici, poco al di sotto del livello del terreno. Con il termine succhioni si intendono invece analoghi germogli che sorgono su tronco e grosse branche. La tecnica di controllo illustrata dal lettore impedisce la formazione di polloni sottraendo luce alle gemme e non presenta controindicazioni se non quella di modificare il microclima nella zona sottostante il sacco, con accumulo di calore e umidità, favorendo la permanenza di insetti terricoli e muffe. Queste condizioni potrebbero provocare occasionali danni alla chioma (per esempio attacchi di oziorrinco che rosicchia le foglie), oppure marcescenza nella ceppaia (per esempio carie del legno) se questa presenta zone devitalizzate. Ricordiamo che polloni e succhioni sono indicatori di uno squilibrio tra chioma e radici (per esempio procurato con potature troppo energiche) o di un malessere della pianta e sono di scarsa utilità nell’economia generale dell’albero. Quando l’afflusso di nutrienti dal terreno supera le capacità di consumo della chioma, nuove gemme sono chiamate a schiudere per collaborare allo smaltimento dei nutrienti. Solo a equilibrio ritrovato la produzione di polloni e succhioni diminuirà e aumenterà la produzione di frutti.

Approfondimento

ciliegie big star 410×240 Frutteto
7 varietà di ciliegio adatte, in tutta Italia, al frutteto familiare Burlat (1): è un varietà che ha avuto le sue origini in Francia. L’albero è di buon vigore, è autosterile (vedi definizione in fondo all’articolo) e quindi, per produrre, ha… (continua)
Kaki Mela Varietà Hana Fuyu Frutteto
Kaki mela, le 4 principali varietà Vengono detti kaki mela quelli che risultano commestibili già alla raccolta o pochi giorni dopo e si mangiano quando sono ancora duri, tanto che si possono tagliare con il coltello al… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER