Fico d’India che non fa frutti, possibili cause

Piante di fico d'India
Frutteto
la Redazione
Abito sul Lago Maggiore; la mia casa è situata in collina, in posizione soleggiata dalla mattina alla sera. I miei suoceri, sei anni fa, mi hanno portato dalla Sicilia tre foglie (pale) di fichi d’India che ho provveduto a mettere a dimora a sud, davanti a un muretto di sassi. Faccio presente che dette pale avevano già piccole radici. Nella stagione invernale, per proteggerli dal gelo, costruisco sempre una enorme serra che tolgo ad aprile-maggio. Trascorsi questi anni però la pianta non ha ancora prodotto frutti. Vorrei che mi spiegaste il perché e cosa posso fare per vedere i frutti.
La risposta della redazione.
Il fico d’India – probabilmente di origine messicana – è diffuso nel Centro-Sud del nostro Paese e nel bacino mediterraneo. Per avere un completo ciclo biologico e quindi una normale fruttificazione occorre che le condizioni climatiche rispondano alle esigenze delle piante: estati calde e inverni miti con temperature medie superiori a 0 °C. Dalla messa a dimora delle pale (cladodi) alla produzione dei primi frutti trascorrono in genere tre anni. Se dopo sei anni il fico dì'India ancora non fa frutti, le cause sono da ricercarsi nell’andamento climatico non idoneo: con molta probabilità si tratta di una sommatoria termica non adeguata (insufficienza di ore di caldo e andamento climatico invernale piuttosto freddo) per cui le gemme non maturano. L’unico consiglio che si può dare è quello di lasciare installata la serra anche nel periodo primaverile-estivo arieggiandola nelle giornate più calde.

Approfondimento

ciliegie big star 410×240 Frutteto
7 varietà di ciliegio adatte, in tutta Italia, al frutteto familiare Burlat (1): è un varietà che ha avuto le sue origini in Francia. L’albero è di buon vigore, è autosterile (vedi definizione in fondo all’articolo) e quindi, per produrre, ha… (continua)
Kaki Mela Varietà Hana Fuyu Frutteto
Kaki mela, le 4 principali varietà Vengono detti kaki mela quelli che risultano commestibili già alla raccolta o pochi giorni dopo e si mangiano quando sono ancora duri, tanto che si possono tagliare con il coltello al… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER