Cipolle, scalogni e porri con marciumi

Cipolle
Orto
la Redazione
La primavera dell’anno scorso ho piantato 2 kg di cipolle ramate, che all’inizio sono cresciute bene, poi però le foglie si sono afflosciate e ho avuto una resa di un terzo inferiore a quella dell’anno precedente. Non parliamo dello scalogno, tutto marcio! In luglio ho piantato i porri e a ottobre erano molto belli, ma poi a novembre si sono afflosciate tutte le foglie. C’erano inoltre dei segni marroni sui gambi, tanto che non erano nemmeno commestibili. Questo è accaduto non solo a me ma in tutta la zona...
La risposta della redazione.
Le frequenti e abbondanti piogge favoriscono l’affermarsi e il diffondersi di marciumi che hanno arrecato gravi danni a diverse colture orticole. Specialmente quando in autunno si verificano temperature più alte della media, queste creano un ambiente ancora più favorevole ai marciumi. Per cercare di contrastare preventivamente i marciumi di cui possono soffrire alcuni ortaggi tra cui la cipolla e ancora di più lo scalogno, è opportuno porre in atto accorgimenti preventivi, come assicurare il migliore sgrondo possibile dell’acqua dal terreno predisponendo delle aiole alte 10-15 cm (anche 20 cm nei suoli più pesanti) rispetto al livello del terreno, oppure sistemando le aiole ad arco (a porche). È importante poi lavorare accuratamente le aiole sia in profondità che in superficie, in modo che l’acqua non si fermi nella zona delle radici e del colletto (parte di collegamento tra le radici e il fusto/foglie che si trova a livello del terreno) delle piante. Si può anche tentare di prevenire i marciumi «indurendo» le piante con trattamenti a base di solfato di rame tribasico- 15,2 (bio, non classificato), alla dose 30 ml per 10 litri d’acqua, fino a tre giorni prima di raccogliere. Nel caso di infezioni in atto si possono eseguire delle irrorazioni localizzate (cioè pianta per pianta) con una soluzione di ossicloruro di rame-50 (bio, irritante), alla dose di 25-30 grammi in 10 litri d’acqua cercando di bagnare bene il colletto.

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
impianto-irrigazione-orto Orto
Come irrigare gli ortaggi risparmiando tempo e acqua Nella gestione e nella cura dell’orto, l’irrigazione è senza dubbio l’operazione che richiede più tempo in assoluto, soprattutto in annate che presentano lunghi periodi siccitosi. Per ottimizzare il lavoro, e… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER