Melanzane secche e «legnose», qual è la causa?

Melanzane con buccia interessata da diffuse rugginosità e screpolature, probabilmente dovute a un’infestazione del tripide Frankliniella occidentalis
Orto
la Redazione

In questo articolo viene indicato l’utilizzo di prodotti fitosanitari in commercio e ammessi per la coltura in oggetto al momento della pubblicazione online. Verifica sempre, prima del suo utilizzo, che il principio attivo sia ancora registrato per questa coltura.

Lo scorso anno, nel mese di agosto, le mie melanzane sono state colpite da una malattia che non conosco. Le bacche si presentavano esternamente così come visibile nella foto, al loro interno «legnose» e non commestibili. Vorrei sapere di cosa si tratta e cosa fare per evitare che tale problema si ripresenti.
La risposta della redazione.
Non è facile risalire alla causa responsabile dei sintomi presenti sulle melanzane. Danni simili possono essere conseguenti a infestazioni del tripide Frankliniella occidentalis o dell’acaro tarsonemide Polyphagotarsonemus latus. Gli attacchi del primo insetto ricorrono con maggiore frequenza, mentre quelli dell’acaro sono sporadici. Tripide Frankliniella occidentalis, 1,2 mmPer individuare con maggiore certezza quale sia stato il vero responsabile del danno, sarebbe stato necessario visionare le piante per rilevare la presenza di specifiche sintomatologie su foglie e fusti. Considerando che il danno alle melanzane è sorto in piena estate, è possibile ritenere che il probabile responsabile dei danni sia il tripide Frankliniella occidentalis (nella foto). La lotta contro questo insetto si attua alla sua comparsa, impiegando spinosad-11,6 (bio, non classificato), alla dose di 8 ml per 10 litri d’acqua, tempo di sicurezza 3 giorni, realizzando 2-3 trattamenti con intervalli di 7-10 giorni.

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
impianto-irrigazione-orto Orto
Come irrigare gli ortaggi risparmiando tempo e acqua Nella gestione e nella cura dell’orto, l’irrigazione è senza dubbio l’operazione che richiede più tempo in assoluto, soprattutto in annate che presentano lunghi periodi siccitosi. Per ottimizzare il lavoro, e… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER