Porri colpiti dalla tignola del porro

Porri colpiti dalla tignola del porro
Orto
la Redazione
Lo scorso anno ho seminato una varietà invernale di porri, li ho trapiantati a giugno e alla fine di ottobre erano già grossi 1-2 centimetri. Ai primi freddi sono collassati: le piante si sono afflosciate a terra rendendosi immangiabili. Da cosa può essere dipeso? Li ho sempre concimati con Nitrophoska gold.
La risposta della redazione.
In base sia a quanto si vede nelle foto che all’epoca in cui si sono verificati i danni, possiamo affermare che le piante di porro sono state interessate da un attacco di tignola del porro (Acrolepiopsis assectella). Si tratta di un lepidottero Acrolepide che vive abitualmente a spese del porro, ma che è in grado di attaccare anche la cipolla e, più raramente, l’aglio. I primi adulti compaiono in febbraiomarzo, ma le ovideposizioni avvengono in marzo-aprile, con temperature superiori ai 9-10 °C. Le uova vengono deposte sulle foglie centrali della pianta e le larve neonate penetrano nelle foglie stesse dove scavano gallerie parallele alle nervature. Dopo la prima età escono all’esterno e continuano ad alimentarsi compiendo erosioni sulle foglie centrali, scendendo verso il basso fino a danneggiare anche la parte commercialmente utile del porro. In un anno si susseguono fino a 5-6 generazioni con gli attacchi più dannosi che si verificano a partire dagli inizi di luglio o di agosto, dopo il trapianto, operati dalle larve della terza generazione.

La difesa

Il contenimento dei danni è possibile con l’esecuzione di un paio di interventi, a 10-15 giorni l’uno dall’altro, il primo dei quali subito dopo il trapianto dei porri. Per tali interventi si può utilizzare deltametrina-1,63 (irritante), alla dose di 8 millilitri per 10 litri d’acqua.

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
impianto-irrigazione-orto Orto
Come irrigare gli ortaggi risparmiando tempo e acqua Nella gestione e nella cura dell’orto, l’irrigazione è senza dubbio l’operazione che richiede più tempo in assoluto, soprattutto in annate che presentano lunghi periodi siccitosi. Per ottimizzare il lavoro, e… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER