Radici di ortaggi con escrescenze

escrescenze nematodi galligeni
Orto
la Redazione
Vi invio la foto delle radici delle mie piante di cetriolo che presentano una moltitudine di escrescenze di colore bianco grigiastro. Le stesse escrescenze erano presenti anche sulle radici delle piante di fagiolino, pomodoro e zucchino. Di che malattia si tratta e come posso debellarla?
La risposta della redazione.
Le escrescenze presenti sulle radici degli ortaggi sono dovute a un forte attacco di nematodi galligeni (Meloidogyne, varie specie), larve che si trovano nel terreno e poco visibili a occhio nudo (sono lunghe solo 0,8 mm). Quando le giovani piantine da orto vengono messe a dimora, le larve penetrano all’interno dei tessuti delle radici nutrendosi del contenuto presente nelle cellule ed emettendo una saliva contenente sostanze tossiche. I rigonfiamenti che si notano sulle radici (vedi foto), chiamati comunemente «galle», non sono altro che una reazione della pianta all’attacco del parassita. Le piante colpite manifestano scarso sviluppo vegetativo, ridotte produzioni e sintomi simili a quelli causati da mancanza d’acqua; se l’attacco avviene subito dopo il trapianto, causa la morte delle giovani piante. La lotta ai nematodi galligeni è alquanto difficile e porta a risultati parziali. Per combatterli bisogna ricorrere a tecniche di tipo agronomico, come:
  • la solarizzazione del terreno, cioè coprire nel periodo estivo e dalle 4 alle 8 settimane, la superficie del terreno con film di plastica trasparente che aumenta la temperatura nei primi 15-20 cm di suolo;
  • la rotazione, cioè evitare la coltivazione per almeno 2-3 anni nelle aiole infestate da nematodi;
  • l’impiego di concime organico (per esempio letame ben maturo);
  • la coltivazione di piante nematocide, tipo tagete e lantana, che vanno poi trinciate e interrate, o anche senape o rafano, che vanno semplicemente interrate nel periodo della fioritura.
È comunque importante sottolineare che queste tecniche possono contribuire a diminuire i danni causati dall’attacco dei nematodi, ma purtroppo non risolvono il problema.

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
impianto-irrigazione-orto Orto
Come irrigare gli ortaggi risparmiando tempo e acqua Nella gestione e nella cura dell’orto, l’irrigazione è senza dubbio l’operazione che richiede più tempo in assoluto, soprattutto in annate che presentano lunghi periodi siccitosi. Per ottimizzare il lavoro, e… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER