Il muschio alla base delle viti

Muschio alla base della vite
Vigneto
la Redazione
È pericoloso il muschio alla base delle viti? Deve essere tolto? In tal caso come si fa, per rispettare sia la vite che il terreno?
La risposta della redazione.
Il muschio alla base delle viti non è pericoloso. Il muschio non possiede radici vere e proprie se non radichette aggrappanti. L’assorbimento dell’acqua e dei sali minerali avviene solo tramite le strutture aeree, le foglioline e i fusticini. Non procura danni diretti alle piante, proprio perché non compete direttamente con esse, né presenta comportamenti di tipo parassitario. Se si desidera toglierlo, basta utilizzare una spazzola ruvida: eliminerà in questo modo anche la corteccia più esterna – morta – della vite, che funge da supporto. Zappature intorno al ceppo migliorano il drenaggio locale e sfavoriscono l’insediamento del muschio. È molto facile vedere il muschio abbarbicato ai ceppi di vite, specie se questi hanno almeno una ventina d’anni, se il terreno non è lavorato e nelle zone dove il muschio è normalmente presente, per esempio vicino ai boschi. Comunque il muschio alla base delle viti non è da considerare sintomo di cattivo stato del vigneto, solo una normale espressione della complessità della natura, che genera piante con un incredibile comportamento biologico, capaci di sfruttare le nicchie ecologiche più disparate.

Approfondimento

OLYMPUS DIGITAL CAMERA Vigneto
Eliminare le viti con malattie del legno prima della potatura invernale Prima della potatura delle viti eliminate tutte le piante che mostrano evidenti sintomi di malattie del legno (mal dell’esca ed eutipiosi), evitando di produrre grosse quantità di segatura infetta che,… (continua)
innesto triangolo 410×240 Frutteto
Innestare piante da frutto: i concetti base Affinché l’unione (attecchimento) delle due parti si verifichi regolarmente è necessario che si realizzino alcune condizioni fondamentali, e cioè: che esista affinità fra i due bionti; che la marza, di… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER