Tre soluzioni per rimpiazzare le viti morte

barbatelle-protette
Vigneto
la Redazione
Sono proprietario di un piccolo appezzamento di terreno a vigneto che coltivo nel tempo libero. Ho letto varie volte su Vita in Campagna che esistono delle barbatelle speciali da mettere a dimora nei vigneti già esistenti in sostituzione delle viti morte per varie cause. Potreste fornirmi maggiori chiarimenti?
La risposta della redazione.
La sostituzione di una singola vite è sempre problematica. La nuova pianta si trova oppressa dall'ombreggiamento e dalla competizione per l’acqua e gli elementi nutritivi da parte delle viti adulte che la circondano. Tuttavia è ampiamente condivisa la bontà dell’operazione. Il rinnovamento dei vigneti tramite sostituzione delle piante morte o fortemente deperite è una tattica alquanto diffusa nei vigneti a grande valore storico e sempre più acquista consensi. Per ridurre lo svantaggio delle nuove viti rispetto alle piante adulte si sono sviluppate tre possibilità.
  • La prima è rappresentata dall'impiego di barbatelle innestate su un portinnesto vigoroso (per esempio 1103 Paulsen per Centro e Sud Italia, Kober 5 BB per le aree più fresche), proteggendo poi la piantina con appositi ripari detti «shelter» (ben visibili nella foto). Un buono shelter consente anche alla pianta di svilupparsi più in fretta, oltre a ripararla da possibili inconvenienti delle pratiche colturali (diserbo, colpi inferti dalle macchine scavallatrici).
  • La seconda strada è rappresentata dall'impiego dei «barbatelloni», cioè di talee innestate e radicate ma con il selvatico più lungo rispetto allo standard. Il punto d'innesto nei barbatelloni rimane circa 60 cm fuori terra, e ciò presenta una serie di vantaggi, tra i quali quello di non doversi piegare a terra per le prime cure. E ovviamente permette di guadagnare in altezza fin dall'inizio.
  • La terza strada consiste nel trapiantare viti di due anni allevate in vaso. Barbatelloni e piante in vaso non sono disponibili agevolmente; la cosa migliore è quella di prenotarle un anno per l’altro da qualche vivaista vicino.

Approfondimento

OLYMPUS DIGITAL CAMERA Vigneto
Eliminare le viti con malattie del legno prima della potatura invernale Prima della potatura delle viti eliminate tutte le piante che mostrano evidenti sintomi di malattie del legno (mal dell’esca ed eutipiosi), evitando di produrre grosse quantità di segatura infetta che,… (continua)
innesto triangolo 410×240 Frutteto
Innestare piante da frutto: i concetti base Affinché l’unione (attecchimento) delle due parti si verifichi regolarmente è necessario che si realizzino alcune condizioni fondamentali, e cioè: che esista affinità fra i due bionti; che la marza, di… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER