Asini: i compagni di lavoro dell’uomo tornano a popolare le campagne

silvia-allegri-asini-vita-in-campagna
la Redazione
28 settembre 2016

L’asino ha da sempre accompagnato il cammino dell’uomo per la sua vocazione di instancabile animale da lavoro. Ultimamente è stato riscoperto in quanto è anche un ottimo animale da compagnia

Ospitare un asino in un’azienda agrituristica, o solo anche in una piccola porzione di terreno, è una scelta saggia e al tempo stesso piacevole. Se storicamente è conosciuto principalmente come animale da soma, grazie al suo passo lento, al suo carattere equilibrato e alla sua mole ridotta, l’asino è anche un ottimo compagno che rallegra l’ambiente e mantiene in ordine i prati facendo da «giardiniere».

Si presta volentieri anche ad attività dinamiche, come trekking e passeggiate; con la sua andatura lenta «costringe» chi passeggia con lui a rallentare, a godersi il paesaggio, a osservare la natura, anche in nuove forme di turismo eco-compatibile. Spesso è utilizzato in attività educative e terapeutiche: può essere cavalcato senza pericolo, è molto paziente, non ha paura della confusione e dei rumori, ma soprattutto è morbido e grazioso. L’asinoterapia od «onoterapia» (dal greco ònos, asino) è non a caso una tecnica terapeutica riconosciuta nell’ambito della più vasta «Pet therapy» (scambio affettivo e di gioco tra l’essere umano in difficoltà psichiche o fisiche e l’animale). L’asino stesso manifesta il suo affetto cercando un contatto con altri animali e con l’uomo.

Questo animale può veramente diventare il simbolo di un modo di vivere che si discosta dai ritmi frenetici, insegnandoci la pazienza e diventando quasi un antidoto allo stress quotidiano.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Quaglia selvatica Allevamenti
Ecco come allevare la quaglia La quaglia selvatica (Coturnix coturnix) è un piccolo uccello (80-100 grammi di peso) molto prolifico, allevato sia per la produzione di uova che di carne. La deposizione inizia già al… (continua)
Pecore Suffolk Allevamenti
Suffolk, pecora che non passa inosservata L’allevamento della pecora Suffolk in un pascolo recintato è naturale, non inquinante e a ciclo chiuso: il terreno fornisce l’erba, le pecore mangiano l’erba, i loro escrementi concimano il terreno,… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER