Prelievo dei campioni per l’analisi del terreno

Prelievo dei campioni per l’analisi del terreno
la Redazione
13 novembre 2015

Si utilizza un’apposita trivella, ma con un po’ di attenzione si può utilizzare una vanga. Vediamo come

Per il prelievo dei campioni elementari (subcampioni) i tecnici e gli addetti dei laboratori utilizzano un’apposita trivella metallica. Se non riuscite a procurarvela potete utilizzare una vanga, il cui impiego richiede però una maggiore attenzione.

1- Nel corso del campionamento, in ogni punto prescelto per il prelievo dei subcampioni asportate e scartate i primi 5 cm di terreno; scavate quindi una piccola buca, eliminando tutto il terreno; la profondità ottimale è di 40 cm.

2- Dal bordo della buca, per tutta la sua profondità, staccate con la vanga una fetta di terreno; cercate di prelevare subcampioni tutti più o meno della stessa dimensione, togliendo dalla fetta i materiali grossolani e le radici.

3- Ponete i diversi subcampioni in un secchio e successivamente frantumateli e mescolateli con cura, se necessario anche rovesciando il contenuto del secchio su di un telone di materiale plastico pulito.

4- Estraete dal mucchietto di terreno il campione finale di 2 kg e ponetelo in un sacchetto pulito (per esempio, uno di quelli impiegati per congelare i cibi), etichettato con il numero o il codice riportato sulla scheda di accompagnamento che viene fornita dal laboratorio.

PrelievoCampioni

La consegna al laboratorio deve essere fatta il più presto possibile al fine di evitare alterazioni del campione.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

OLYMPUS DIGITAL CAMERA Vigneto
Eliminare le viti con malattie del legno prima della potatura invernale Prima della potatura delle viti eliminate tutte le piante che mostrano evidenti sintomi di malattie del legno (mal dell’esca ed eutipiosi), evitando di produrre grosse quantità di segatura infetta che,… (continua)
Kaki Mela Varietà Hana Fuyu Frutteto
Kaki mela, le 4 principali varietà Vengono detti kaki mela quelli che risultano commestibili già alla raccolta o pochi giorni dopo e si mangiano quando sono ancora duri, tanto che si possono tagliare con il coltello al… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER