Decespugliatore: guida ai diversi tipi di filo

decespugliatore
11 maggio 2020

Sul mercato sono disponibili svariate tipologie di testine e fili di diametro e sezione diversi, nonché con diverse caratteristiche di resistenza e durata. È bene conoscerne le differenze per valutare la migliore in base al proprio decespugliatore e alle proprie esigenze

Nella vasta gamma di macchine e attrezzature per la manutenzione del verde, il decespugliatore è certamente una tra le più diffuse. Sul mercato sono presenti numerosissimi modelli che possiamo distinguere in decespugliatori veri e propri, destinati per lo più all’uso professionale, e bordatori, destinati a un impiego hobbistico. I decespugliatori professionali sono dotati, nella maggioranza dei modelli, di motori a scoppio a due tempi alimentati a miscela; vengono impiegati per lo sfalcio dell’erba su ampie superfici e il taglio di cespugli e arbusti. I bordatori sono invece attrezzature più leggere utilizzate nei giardini per la rifinitura del tappeto erboso in prossimità di cordoli, muretti, tronchi d’albero o comunque in zone non raggiungibili dal rasaerba.

L’organo di taglio è costituito da una testina rotante a due fili la cui lunghezza deve solitamente essere regolata a mano, oppure con il sistema «batti e vai». In commercio si trovano diversi tipi di filo di nailon che variano a seconda del diametro e del disegno della sezione.

Il diametro del filo varia da 1 a 4 mm. Le misure inferiori sono riservate all’impiego con bordatori da giardino, mentre per i decespugliatori si impiegano in genere fili da 2 a 3 mm di diametro, per arrivare fino a 4 mm per alcuni impieghi particolari. Bisogna scegliere un filo di diametro adeguato alla potenza del decespugliatore: un filo da 3-3,3 mm va impiegato solo con macchine dotate di un motore di cilindrata superiore ai 30 centimetri cubici. Nel caso di decespugliatori con propulsori di bassa cilindrata (25-30 centimetri cubici) è meglio utilizzare un filo di diametro ridotto (2-2,3 mm), magari del tipo rinforzato, per non mettere sotto sforzo il motore.

I vari tipi di filo

Riguardo la sezione i fili per decespugliatore possono avere profilo tondo, quadrato, poligonale, ritorto, seghettato, elicoidale.

Il filo a sezione rotonda (1) è quello più impiegato e resistente, adatto per l’impiego laddove sono presenti ostacoli (sassi, muretti, cordoli, ecc.). Esiste anche un filo a sezione rotonda rinforzato (2), dotato cioè di un’anima interna in polimero a elevata resistenza alle rotture che garantisce una più lunga durata e un cambio meno frequente.

Il filo a sezione quadrata (3) è un filo più aggressivo, da impiegare su erba in campo aperto con pochi ostacoli, a ridosso dei quali tende a rompersi con facilità. Sono in commercio anche alcuni tipi di filo a sezione quadrata con due bordi seghettati ancora più aggressivi e performanti, adatti per l’impiego con testine multifilo.

Il filo elicoidale (4) offre una minore resistenza, riduce il sibilo generato dal vorticare nell’aria e richiede meno potenza del motore.

La silenziosità, per il basso impatto con l’aria, caratterizza anche il filo a sezione stellata (5), che inoltre permette un taglio netto grazie ai cinque taglienti della sezione a stella.

profili-fili

I più comuni fili per decespugliatore hanno sezione rotonda (1), sezione rotonda coassiale (filo rinforzato) (2), quadrata (3), elicoidale (4), stellata (5)

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER