La protezione dal gelo delle giovani piante di actinidia

Piante di actinidia protette dal gelo con la paglia
la Redazione
17 dicembre 2015

Il fusto delle giovani piante di actinidia va protetto dagli abbassamenti di temperatura invernali coprendolo con un manicotto di paglia

Se una pianta adulta di actinidia resiste alle basse temperature fino a –15 °C, le piante giovani sono alquanto sensibili al gelo invernale. I danni che ne conseguono interessano in modo particolare la zona del colletto (in prossimità del terreno) o le parti basse del fusto. In Italia settentrionale è quindi indispensabile proteggere il fusto delle piante in allevamento, almeno fino al 4° anno (anche fino al 5°-6° anno nelle zone più a rischio); i materiali che si possono usare sono diversi ma non tutti garantiscono un buon risultato: paglia, carta (meglio se paraffinata), feltro di poliestere, polistirolo appositamente foggiato, ecc.

La sperimentazione ha indicato che il materiale migliore è la paglia; tutti gli altri danno risultati inferiori. All’interno di una protezione in paglia la temperatura mantiene una differenza di due gradi in più rispetto alla temperatura esterna. La paglia deve essere applicata coprendo il fusto per oltre un metro con un manicotto dello spessore di una decina di centimetri. L’allestimento della protezione con la paglia è difficoltoso, ed è proponibile e consigliabile soltanto se si tratta di difendere poche piante o un actinidieto di piccole dimensioni.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

decespugliatore-protezioni-dpi Frutteto
Decespugliatore: tutto sulle testine di taglio a filo Nei decespugliatori con le testine a filo questo è avvolto a bobina su un rocchetto all’interno di un guscio di plastica apribile. I due capi dei fili preposti al taglio… (continua)
Potatura melo Frutteto
Lezione di potatura del melo Inizia tenendo presente la regola d’oro per la potatura del melo: maggiore è la vigoria della pianta di melo, minore deve essere l’entità della potatura. Ecco come procedere: valuta la… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER