Balconi e davanzali fioriti: i gerani hanno pochi rivali

terrazzo blaocne gerani edera
la Redazione
30 maggio 2017

Quando visitiamo le vallate alpine rimaniamo incantati nel vedere le variopinte fioriture che circondano le case; le cascate fiorite su davanzali e balconi però si sono diffuse ovunque, dalle località montane del Nord ai borghi marini del Sud

La vasta schiera delle piante da balcone è giunta a noi, per massima parte, da Paesi lontani, e per questo il suo utilizzo risulta abbastanza recente. Per quanto riguarda per esempio la zona delle Dolomiti, vecchie fotografie e cartoline illustrate mostrano solo verso l’inizio del Novecento qualche vaso di fiori alle finestre. Si può quindi ritenere che l’usanza di abbellire la casa con piante e fiori abbia avuto origine alla fine dell’Ottocento, con una diffusione, da allora, crescente, complice soprattutto l’avvento del turismo e l’opera degli albergatori, ben consapevoli che un balcone fiorito attirava maggiormente i villeggianti. Mode e cambiamenti di costume hanno poi influito non poco anche nella scelta dei fiori.  Il più antico fiore da balcone è stato il garofano, progressivamente sostituito dai gerani, diffusisi in Europa nel corso dell’Ottocento.

Il geranio è una pianta talmente entrata nel nostro immaginario che non possiamo fare a meno di pensare ai balconi delle case di montagna senza la sua copiosa fioritura. Dapprima si imposero i gerani zonali, a portamento eretto; in seguito i gerani edera a portamento ricadente, in numerose varietà. Rivaleggiano con i gerani, come diffusione e impatto visivo, solo le petunie.

Gerani edera

Questi gerani hanno le foglie ampie, spesse ed eleganti e i fiori assai ben modellati, semplici, semidoppi o doppi, in belle tonalità per lo più varianti dal rosa-lilla al malva, fino al violetto intenso; ma non mancano le varietà di altri colori, dal bianco al rosa tenue e dal rosso brillante fino al rosso scurissimo. Oltre che per rallegrare i balconi, questi gerani si impiegano anche per creare aiole o bordure in giardino, per comporre ciotole o grandi vasche. Ricordiamo in particolare le seguenti varietà:

  • Amethyst, con fiori doppi di colore rosa-lilla;
  • Butterfly, con grandi fiori doppi, di color lilla con venature più scure;
  • Rouletta, con fiori bicolori biancorosa;
  • Blue Blizzard®, con foglie eleganti e ben zonate, cioè con anello più scuro, e fiori di un bel colore lilla intenso;
  • Pink Blizzard®, molto fiorifero e adatto anche per zone calde; i fiori sono di un bel rosa brillante;
  • White Blizzard®, con fiori bianchi, appena chiazzati di rosa al centro.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
Giardino
Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER