Il maiale «dei due agosti»: 21 mesi di età per prodotti di qualità

maiali-allevamento-dicembre
la Redazione
13 dicembre 2018

La modalità di allevamento del maiale qui proposta riprende usi del passato, quando il periodo di ingrasso durava più a lungo

L’allevamento dei maiali oggi più diffuso inizia con l’acquisto, in febbraio-marzo, di suinetti nati nel settembre precedente; cioè del peso di circa 35 kg. In passato il periodo di ingrasso durava più a lungo approfittando degli animali nati con i parti di fine marzo; le differenze stanno nel momento dell’acquisto degli animali (dicembre anziché febbraio-marzo) e nell’età della loro macellazione (21 mesi anziché 15 mesi).

Per questo tali animali venivano in modo suggestivo definiti maiali «dei due agosti», in quanto, a differenza dei soggetti nati in settembre, vivevano abbastanza a lungo da vedere due volte quel mese estivo. L’allungamento del periodo di ingrasso permette indubbiamente di ottenere un maiale di qualità superiore, dato che le sue carni sono più mature, in grado di fornire materiale per la realizzazione di insaccati di pregio.

Il ciclo di allevamento va da dicembre a dicembre

Acquisto

Come abbiamo detto, i maiali «dei due agosti» si acquistano in dicembre, all’età di circa 9 mesi. Nel caso di soggetti meticci (incroci industriali, più facili da reperire) destinati all’allevamento intensivo, il peso si aggira attorno ai 90 kg; se invece si acquistano razze rustiche, possibilmente locali, il peso varia in base alle caratteristiche della razza.

Arrivo in azienda e ambientamento

Nel giorno d’arrivo agli animali è bene non somministrare alcun alimento solido, ma solo acqua di abbeverata. Solo dal secondo giorno gli si metterà a disposizione la miscela alimentare, avendo però cura di tenere i maiali rinchiusi all’interno del ricovero. Solo dopo una settimana di ambientamento i maiali potranno avere libero accesso al pascolo.

Pascolo libero

Per tutto il resto dell’anno i maiali devono poter pascolare liberamente e l’unica attenzione di cui necessitano è la somministrazione giornaliera della razione alimentare. È consigliato allevare tre maiali su una superficie di circa 2.500 metri quadrati così costituito:

  • pascolo delimitato da recinzione elettrica;
  • ricovero a tettoia chiusa su tre lati di circa 9 metri quadrati;
  • abbeveratoio a ciotola collegato alla rete idrica;
  • zona di alimentazione costituita da una semplice pedana di assi di legno;
  • pozza per il bagno di fango;
  • filare di alberi ombreggianti a foglia caduca.

Macellazione e nuovo ciclo di allevamento

Nel dicembre dell’anno successivo all’acquisto i maiali, che avranno raggiunto un peso di oltre 250 kg, sono destinati alla macellazione e alla produzione di insaccati e carne. A quel punto, il ricovero viene pulito e si prepara la nuova lettiera per ospitare gli animali del successivo ciclo di allevamento.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Quaglia selvatica Allevamenti
Ecco come allevare la quaglia La quaglia selvatica (Coturnix coturnix) è un piccolo uccello (80-100 grammi di peso) molto prolifico, allevato sia per la produzione di uova che di carne. La deposizione inizia già al… (continua)
coniglio-razza-italiana-gigante-pezzato-410×240 Allevamenti
Tutte le 43 razze di conigli italiani Il Registro Anagrafico della specie cunicola comprende 43 razze suddivise, in base al peso dei soggetti e alla struttura del pelo, in quattro categorie: pesanti, medie, leggere, a struttura di… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER