I veleni per topi possono avvelenare anche cani e gatti

gatto giardino prato
la Redazione
28 aprile 2017

Un abbonato di Vita in Campagna, accusato di aver causato l'avvelenamento di gatti utilizzando il veleno per topi in commercio, ha scritto alla Redazione per sapere se ciò è possibile qualora i gatti mangino i topi avvelenati o le esche stesse

I più comuni veleni per topi sono a base di anticoagulanti e, nonostante vengano sovente venduti con l’assicurazione che non sono nocivi per gli animali domestici, provocano (eccome!) avvelenamento anche nei cani e nei gatti che ingeriscono accidentalmente le esche (mangiare un topo morto per il veleno non è sufficiente).

L’avvelenamento si manifesta dopo qualche giorno dall’ingestione dell’anticoagulante ed è caratterizzato da emorragie che possono essere visibili (sangue dal naso, nelle feci, nelle urine, dalle gengive) o interne, nel qual caso solo il veterinario può stabilirlo attraverso una visita accurata. Esternamente è possibile notare solo un profondo abbattimento dell’animale, che solitamente, in questi casi, manifesta dolori diffusi e mucose pallide (per l’anemia). La terapia adatta per tentare di salvare gli animali intossicati dall’anticoagulante consiste nella somministrazione per via endovenosa di alte dosi di vitamina K per più giorni di seguito.

coprire esche per topi

Come evitare che animali domestici mangino esche avvelenate

Per evitare che altri animali possano avvelenarsi ingerendo le esche per topi occorre renderle inaccessibili agli stessi depositandole, per esempio, sotto una tegola curva.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Quaglia selvatica Allevamenti
Ecco come allevare la quaglia La quaglia selvatica (Coturnix coturnix) è un piccolo uccello (80-100 grammi di peso) molto prolifico, allevato sia per la produzione di uova che di carne. La deposizione inizia già al… (continua)
Pecore Suffolk Allevamenti
Suffolk, pecora che non passa inosservata L’allevamento della pecora Suffolk in un pascolo recintato è naturale, non inquinante e a ciclo chiuso: il terreno fornisce l’erba, le pecore mangiano l’erba, i loro escrementi concimano il terreno,… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER