Peperoncini: essiccazione delle varietà piccanti

peperoncini
la Redazione
18 agosto 2017

Gli usi dei vari tipi di peperoncino sono tantissimi, spesso legati a tradizioni locali, ma anche alla fantasia di chi cucina. Per le varietà piccanti, comunque, si ricorre generalmente all'essiccazione

Essiccare i peperoncini in 4 passaggi

1. in agosto-settembre, utilizzando un ago piuttosto grande, infilate un doppio o triplo filo da cucito nel peduncolo del frutto;
2. procedete in questo modo, infilando una dopo l’altra le bacche da essiccare;
3. formate delle catene lunghe circa 50 centimetri;
4. Appendete le catene in un luogo ombreggiato. Alla sera, per evitare l’umidità notturna, le catene vanno riposte in luogo chiuso, fresco e asciutto. Dopo circa 20 giorni i peperoncini saranno completamente essiccati.

Per un’essiccazione dei peperoncini più veloce, si può utilizzare l’essiccatore. Una volta essiccati, i peperoncini si conservano in barattoli di vetro che andranno riposti in luoghi freschi e asciutti. I peperoncini si possono macinare utilizzando un macinacaffè oppure un frullatore, che dovranno essere puliti accuratamente prima e dopo l’utilizzo. Anche i peperoncini macinati vanno conservati in un contenitore ben chiuso e tenuto in un luogo fresco e buio.

Dal 23 al 27 agosto 2017, Vita in Campagna ha partecipato attivamente alla 7ª edizione di «Rieti Cuore Piccante», fiera campionaria mondiale del peperoncino. Leggi com’è andata »


peperoncino-155pixel-borde-2pxScopri tutto sul peperoncino, dalla semina al consumo

Coltivare piante di peperoncino regala il duplice piacere di una bella pianta ornamentale e frutti utilizzabili in cucina. Tra le moltissime varietà esistenti, nel libro “Peperoncino: dalla semina al consumo” l’autore, Claudio Dal Zovo, propone ben 18 varietà, spaziando dalle ornamentali alle mangerecce, alle molto e super hot, alle selvatiche, di cui mette in evidenza i caratteri distintivi. Fornisce poi preziose indicazioni per aiutare chiunque nella coltivazione, sia che si opti per quella in vaso che per la messa a dimora. Non mancano suggerimenti per prevenire e curare le avversità che li colpiscono. Una volta raccolti, i peperoncini possono essere consumati freschi o conservati secondo diverse modalità.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Mele pronte per la raccolta Cucina
Sidro di mele fatto in casa Per prima cosa bisogna tagliare le mele a piccoli pezzi e metterle in un recipiente dove devono riposare per 6-8 ore a circa 12-15 °C, quindi si centrifugano. Il succo… (continua)
016#09289_(1111)-foto-16 Cucina
Il pane di San Martino È un pane che si presta ad accompagnare piatti a base di carni rosse, ma è delizioso a colazione, spalmato con marmellate o confetture non particolarmente dolci. Ingredienti: 400 grammi… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER