Piantate bulbose e tuberose che fioriranno in primavera

Bulbose da fiore
la Redazione
10 settembre 2019

Con l'inizio della stagione autunnale interrate bulbi, cormi, tuberi e rizomi delle specie a fioritura primaverile. Si possono mettere a dimora in un'aiola o nel prato per creare zone colorate

Interrate tra settembre e ottobre bulbi, cormi, tuberi e rizomi di specie a fioritura primaverile. Quando la temperatura del terreno si assesta tra i 13 e i 15 °C, iniziate a mettere a dimora croco, bucaneve, Muscari, Camassia, campanule spagnole (Hyacinthoides hispanica) ed Erythronium. In seguito sarà la volta di giacinti e narcisi, mentre si devono lasciare per ultimi i tulipani in quanto amano un terreno più freddo. La profondità di messa a dimora deve essere generalmente pari al doppio dell’altezza del bulbo: nei terreni leggeri, sabbiosi e ben drenati conviene che piantiate un po’ più in profondità.

Come interrare i bulbi

Le modalità di messa a dimora di bulbose e tuberose dipendono dall’effetto che si desidera ottenere. Se volete realizzare un’aiola o una bordura, lavorate il suolo sino a una profondità di circa 20 cm. Mettete da parte la terra di scavo, distribuite sul fondo uno strato di ghiaia o argilla espansa dello spessore di circa 3-4 cm per favorire lo sgrondo dell’acqua, quindi disponete i bulbi con la punta rivolta verso l’alto. Coprite con un miscuglio realizzato da terra di scavo ben sbriciolata e torba in parti uguali.

Se invece volete realizzare punti di colore nel prato, come illustrato nei disegni sottostanti, realizzate con una vanga nel cotico erboso un’incisione a forma di «H», effettuando due tagli paralleli (1) ciascuno di 50-60 cm di lunghezza e poi, a metà fra questi, un terzo taglio che li unisca (2). Sollevate i due lembi così ottenuti a mo’ di libro, sbriciolate il terreno sottostante e mettete a dimora 15-20 bulbi (3). Riposizionate i due lembi, pressate con i piedi (4) e irrigate.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Giardino
Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza… (continua)
01_giardino_Lilium Candidum_Giglio di sant antonio in giardino_ Vita in Campagna Giardino
Giglio di Sant’Antonio: bulbosa dai fiori profumatissimi Il giglio di Sant’Antonio è una bulbosa di notevole statura (supera ampiamente il metro di altezza) e ha uno stelo eretto su cui si inseriscono a spirale lucide foglie lanceolate. I fiori, a… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER