Come riconoscere Popillia japonica: caratteristiche e abitudini

esemplari di popillia japonica
la Redazione
28 maggio 2014

Popillia japonica può colpire anche gravemente, tra le nostre specie coltivate, fragola, pomodoro, vite, pero, pesco, mais, soia, nocciolo, oltre a rosa e olmo. Ecco come riconoscerlo

Gli adulti di Popillia japonica – di forma ovale, lunghi da 8 a 11 mm e larghi da 5 a 7 mm – hanno il corpo di colore verde brillante, ali (elitre) color rame o bronzo (rossicce) e piccoli ciuffetti di peli bianchi intorno all’addome, che le nostre specie indigene di scarabeidi non possiedono.

Emergono dal terreno a partire da metà maggio nelle aree con clima più caldo, in giugno-luglio nelle regioni con clima più freddo. Si nutrono delle foglie, dei fiori e dei frutti delle piante ospiti e si alimentano, muovendosi sulla pagina superiore delle foglie, del tessuto vegetale presente tra le nervature. Le foglie infestate, mantenendo solo le nervature, assumono un caratteristico aspetto scheletrico e possono successivamente imbrunirsi e cadere. Sui fiori l’insetto lascia fori di forma irregolare sui petali.

Che fare se si rinviene Popillia japonica »

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Fercad_600x350 2 Giardino
Consigli utili per la cura del prato di casa propria Ci sono dei lavori imprescindibili per avere un bel prato; questi sono il taglio, la concimazione, l’irrigazione e l’arieggiatura. Ci sono degli accorgimenti che facilitano queste operazioni, ma ad agevolare il… (continua)
Festuca arun Dx and Festuca ovina Sx – Copia Giardino
La scelta delle specie adatte per la realizzazione del prato rustico Nel prato della casa di campagna l’obiettivo è quello di costituire un sistema vegetale semplice ma al tempo stesso duraturo, capace di superare le eventuali difficoltà senza un intervento massiccio… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER