Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare

la Redazione
19 luglio 2016

Messa a dimora e coltivazione: non richiede particolari cure, basta solo evitare luoghi in cui ristagna l’acqua

Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza degli altri gigli, i cormi di questa specie vanno piantati superficialmente: è sufficiente che siano coperti da soli 5-6 cm di terra; quanto alla distanza tra uno e l’altro, deve essere pari a circa due volte il loro diametro.

I cormi vanno messi a dimora da fine settembre a fine ottobre, in aiole o bordure in pieno sole vangate sino a 15-20 cm di profondità, nelle quali va interrato stallatico in polvere o pellettato alle dosi indicate in etichetta. In breve tempo dal cormo si sviluppa una rosetta di foglie che rimangono verdi e vive anche durante l’inverno. Nel caso di zone a inverno rigido occorre predisporre sull’aiola uno strato di foglie, di paglia o di qualsiasi altro materiale naturale dello spessore di 3-5 cm, al fine di proteggere le foglie dal gelo.

Ai primi tepori di primavera, la rosetta di foglie riprende a crescere e al suo centro inizia a svilupparsi lo stelo fiorale. Se la primavera si presenta siccitosa occorre irrigare le piante, in particolar modo durante la fase di sviluppo dello stelo fiorale; per il resto il giglio di Sant’Antonio non ha bisogno di altre cure.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

B&S_SP90_045_410 Giardino
Come scegliere il rasaerba in base alla dimensione del prato Una corretta valutazione del rasaerba più consono alle proprie esigenze deve essere fatta a partire dalla dimensione della superficie da gestire. Ecco una guida per valutare questo rapporto. Motore: elettrico… (continua)
decespugliatore-protezioni-dpi Frutteto
Decespugliatore: tutto sulle testine di taglio a filo Nei decespugliatori con le testine a filo questo è avvolto a bobina su un rocchetto all’interno di un guscio di plastica apribile. I due capi dei fili preposti al taglio… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER