Sedum sieboldii, pianta dai numerosi fiorellini ma non profumati

Fioritura di Sedum sieboldii
la Redazione
10 aprile 2014

Il Sedum sieboldii è una pianta originaria del Giappone che in inverno si secca per rispuntare in primavera. Si adatta molto bene ai giardini rocciosi.

Il Sedum sieboldii è una pianta perenne dal caratteristico portamento prostrato che raggiunge un’altezza di 10-15 cm e una larghezza di circa 40-50 cm. Originaria del Giappone, era presente in passato in quasi tutti i giardini (soprattutto quelli rocciosi) e balconi di campagna, nonché nelle «tasche» dei muri a secco. I suoi rametti, tipicamente arcuati, lunghi all’incirca 20 cm, portano foglie rotondeggianti, appiattite, di colore grigio-verde, con margine leggermente seghettato e disposte a gruppetti di tre (verticilli). Sedum sieboldii è una pianta molto rustica e facile da coltivare.

Il Sedum sieboldii in autunno (fine di settembre-ottobre, a seconda del clima della zona) all’estremità di ogni rametto si schiudono numerosi fiorellini rosa, con profumo insignificante, riuniti in un’infiorescenza, che gli esperti chiamano corimbo, larga 6-8 cm. In inverno le foglie cadono e i rametti si seccano, ma non c’è da preoccuparsi (a fine inverno vanno tagliati sino a 2-3 cm dalla base) in quanto in primavera spunteranno dei germogli che origineranno i nuovi rametti.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Giardino
Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza… (continua)
01_giardino_Lilium Candidum_Giglio di sant antonio in giardino_ Vita in Campagna Giardino
Giglio di Sant’Antonio: bulbosa dai fiori profumatissimi Il giglio di Sant’Antonio è una bulbosa di notevole statura (supera ampiamente il metro di altezza) e ha uno stelo eretto su cui si inseriscono a spirale lucide foglie lanceolate. I fiori, a… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER