La stella di Natale non è una pianta facilissima da coltivare

Stelle di Natale in un vivaio
la Redazione
18 novembre 2022

Alcune indicazioni basilari ma necessarie per la buona tenuta delle stelle di Natale. I più avvezzi possono provare anche a mantenerle fino all'anno prossimo

Una volta arrivati a casa con la stella di Natale appena acquistata, è necessario:

  • scegliere un angolo luminoso, anche se arriva il sole diretto, ma lontano da correnti d’aria e fonti di calore;
  • mantenere la temperatura non oltre i 22 °C di giorno e i 18 °C di notte (meglio 15-16 °C);
  • porre un sottovaso sotto la pianta, ma eliminando l’acqua in eccesso che eventualmente si accumula;
  • irrigare usando acqua a temperatura ambiente quando il terriccio appare asciutto, evitando comunque gli eccessi di umidità (il terriccio dovrebbe essere appena umido). Alcuni ritengono che, prima di dare nuovamente acqua, si debba attendere che il terriccio si asciughi. Se la pianta si presenta sofferente ed il terriccio è umido non si deve insistere con abbondanti irrigazioni. La cause della sofferenza possono essere altre (per esempio ambiente poco adatto) e troppa acqua renderebbe ancor più critica la situazione.

Bisogna considerare però che non è una pianta facile da coltivare, anzi viene ritenuta una delle colture floricole che hanno più bisogno di continue e precise cure, specialmente quando i produttori, come è giusto, puntano ad una elevata qualità del prodotto finale. Ciononostante è possibile, anche facendo da sé , provare a farla rifiorire anche l’anno prossimo.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
Giardino
Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER