Manutenzione del prato: come migliorare aspetto e salute

Arieggiatore Jeff al lavoro – Copia
la Redazione
14 aprile 2017

Oltre al taglio periodico, all’irrigazione, alla concimazione e agli eventuali trattamenti antiparassitari, riveste grande importanza l’arieggiatura eseguita con apposite macchine

Se l’aspetto del prato non è esteticamente dei migliori e l’erba appare sofferente i motivi possono essere svariati. Se però le cure e le basilari operazioni di manutenzione del tappeto erboso non mancano e sono correttamente eseguite, allora molto probabilmente è necessario, per così dire, far «respirare» il prato.

La presenza di muschio, feltro, frammenti di foglie e arbusti accumulatisi sul tappeto erboso, come anche il continuo calpestio e le numerose innaffiature, possono pregiudicare lo sviluppo vegetativo delle diverse essenze vegetali. Un’eccessiva presenza di feltro ostacola inoltre la respirazione delle radici, facilita la crescita di funghi e muffe e crea condizioni favorevoli all’attacco di insetti, oltre a determinare una minore resistenza del tappeto erboso alla siccità e alle basse temperature con conseguenze negative sull’estetica del prato.

Arieggiatore Jeff sistema di taglio standard – Copia

Il rotore di un arieggiatore con coltelli

L’arieggiatura consiste nel passaggio con l’apposito mezzo, l’arieggiatore, che effettua nel terreno tagli verticali superficiali (profondi circa 1 cm e anche meno) per rimuovere il feltro e ottenere così, attraverso il ripristino della circolazione di aria, acqua e sostanze nutritive, un rapido recupero del miglior aspetto del prato. La risposta del prato all’arieggiatura è in genere vigorosa e si manifesta con crescita rapida; anche il colore dell’erba ne risente positivamente in virtù del miglior assorbimento da parte della vegetazione di tutti gli elementi nutritivi, potassio e fosforo in particolare che sono scarsamente mobili nel terreno.

Quando arieggiare il prato

È ideale intervenire con l’arieggiatura quando l’erba è in ripresa vegetativa, quindi all’inizio della primavera, ma anche a fine estate-inizio autunno, con un certo anticipo rispetto al riposo invernale.

Jeff Agrinova – Copia

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
Giardino
Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER