Potatura delle rose: con clima mite può essere anticipata

Floribunda dopo potatura
la Redazione
6 novembre 2014

La potatura è l'operazione che, nella maggior parte dei casi, va eseguita prima della ripresa vegetativa. I periodi sono comunque diversi in base al clima della zona

Nelle zone a clima mite dell’Italia Centrale, del Sud e delle Isole, è preferibile potare le rose in autunno-inverno, nello specifico da fine novembre a tutto gennaio, in modo di anticipare la prima fioritura, che così può avvenire anche dai primi giorni di aprile.

Nelle zone fredde del Centro-Nord, è invece consigliabile eseguire la potatura a fine inverno, cioè da metà febbraio a tutto marzo – o, nel caso ci si trovi in località ove le giornate di gelo si prolungano, addirittura ad aprile – per evitare che gelate tardive possano rovinare la porzione di ramo. È comunque sempre opportuno intervenire prima della ripresa vegetativa degli arbusti, in quanto una potatura tardiva pregiudica e ritarda la prima fioritura. Fanno eccezione le rose botaniche, quelle antiche, le non rifiorenti e le rose sarmentose, che portano fiori sui rami prodotti nell’anno precedente.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Festuca arun Dx and Festuca ovina Sx – Copia Giardino
La scelta delle specie adatte per la realizzazione del prato rustico Nel prato della casa di campagna l’obiettivo è quello di costituire un sistema vegetale semplice ma al tempo stesso duraturo, capace di superare le eventuali difficoltà senza un intervento massiccio… (continua)
Bordura di Cyclamen ciclamini bianchi a fiore Giardino
Come realizzare in giardino una bordura mista Nella realizzazione di una bordura mista, l’obiettivo è quello di creare, con le piante, un angolo di giardino pieno di colori e ricco di varietà, in un miscuglio interessante per… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER