La rosa canina e i suoi rossi frutti

Cinorrodi, frutti della rosa
la Redazione
23 ottobre 2014

Di questa rosa selvatica si raccolgono petali, foglie e, a fine autunno, i frutti, che restano appesi alla pianta anche durante la prima parte dell’inverno

Il frutto della rosa, chiamato cinorrodo, è dal punto di vista botanico un falso frutto, come quello di tutte le Rosacee pomoidee (melo, pero, ecc.), perché non si sviluppa dall’ovario, ma dal ricettacolo del fiore e quindi dalle parti del fiore poste al di sotto del calice. Per questo i sepali del calice, che essiccano ma rimangono visibili fino alla raccolta, sono attaccati in cima al frutto e non alla sua base come nei veri frutti (tipo le arance).

I frutti della rosa canina in genere restano appesi alla pianta, che è una caducifoglia (perde le foglie nella stagione fredda) anche durante la prima parte dell’inverno, con notevole effetto decorativo.

Con i frutti maturi della rosa canina (che si raccolgono appunto da ottobre a dicembre) si ottengono confetture, gelatine, salse, sciroppi e bevande gradevoli.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Festuca arun Dx and Festuca ovina Sx – Copia Giardino
La scelta delle specie adatte per la realizzazione del prato rustico Nel prato della casa di campagna l’obiettivo è quello di costituire un sistema vegetale semplice ma al tempo stesso duraturo, capace di superare le eventuali difficoltà senza un intervento massiccio… (continua)
Bordura di Cyclamen ciclamini bianchi a fiore Giardino
Come realizzare in giardino una bordura mista Nella realizzazione di una bordura mista, l’obiettivo è quello di creare, con le piante, un angolo di giardino pieno di colori e ricco di varietà, in un miscuglio interessante per… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER