Coltivazione aglio: dare poca acqua ed eliminare le infestanti

Aglio fresco subito dopo la raccolto nell'orto
la Redazione
8 maggio 2014

La coltivazione dell'aglio richiede solitamente poca acqua di irrigazione ma anche una pulizia costante dalle piante infestanti.

Nella coltivazione di aglio eliminate le piante infestanti dalle aiole aiutandovi con un piccolo estirpatore che possa lavorare agevolmente tra le piante, di solito piuttosto fitte. Eseguite con cura la pulizia delle aiole specialmente nelle prime fasi di coltivazione, perché potrebbero venire completamente invase dalle piante infestanti. In maggio sospendete le concimazioni in copertura dell’aglio. In genere non è necessario irrigare l’aglio. Dai primi di maggio, o anche prima, è possibile raccogliere qualche pianta di aglio da consumare fresca. Verso la fine di giugno potete invece iniziare la raccolta dei bulbi da conservare, purché siano maturi.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER