Sedano colpito, sul colletto, da larve

Larva vicino al colletto corroso di sedano
Orto
la Redazione
Larve di colore scure lunghe circa 3-4 cm, da alcuni anni rodono il colletto di piante di sedano. Di che larva si tratta e cosa devo fare per eliminarle?
La risposta della redazione.
Il sedano colpito da larve, responsabili dei danni effettuati al colletto delle piante di sedano, subisce erosioni talmente invadenti sui tessuti da causarne perfino la morte. Le larve sono quelle di una specie di nottua terricola appartenente al genere Agrotis. È difficile distinguere tra Agrotis ipsilon o di Agrotis segetum (3-4 cm di lunghezza per entrambe le specie), ma è assai probabile che possa trattarsi di quest’ultima specie, in quanto è quella più comune negli orti familiari. Entrambe le specie sono caratterizzate da larve che vivono interrate in prossimità del colletto delle piante (punto di inserzione delle radici sul fusto). I danni interessano diverse piante erbacee, come ad esempio mais, bietola, patata, fagiolo, sedano, finocchio, insalata, cipolla, porro, ecc. In merito alla lotta il lettore può intervenire appena compaiono i primi danni sul sedano colpito eseguendo un solo intervento con deltametrina- 1,63 (irritante), alla dose di 10 ml in 10 litri d’acqua, con tempo di sicurezza di 7 giorni cercando di bagnare abbondantemente le piante, facendo in modo che la miscela insetticida scenda sino al loro colletto.

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER