Orto: crosta superficiale e perdita di fertilità

orto-biologico-crosta-superficiale
la Redazione
8 gennaio 2018

L'azione battente della pioggia causa il compattamento della superficie del terreno compromettendo la crescita delle piante. Ecco perché e come attenuare gli effetti

Se nell’orto, dopo una pioggia o un’irrigazione, si osserva la superficie del terreno e non si riconoscono più le zolle, bensì un’unica formazione piatta e compatta, siamo in presenza della crosta. La «crosta» è uno strato superficiale di terreno compattato che si comporta come un tappo, interrompendo gli scambi gassosi e il movimento dell’acqua tra sopra e sotto la superficie del terreno. Nei mesi freddi, esaminando attentamente, la superficie del terreno dell’orto presenta anche uno strato verdognolo di alghe o di muschio; situazione, questa, poco comune d’estate. Si possono inoltre osservare altri particolari comuni anche al caso della perdita di fertilità per «compattamento»: la crescita delle piante non risponde alle aspettative e si comportano come se ci fosse penuria d’acqua, l’acqua fatica a infiltrarsi nel terreno che, in più, non si asciuga.

La crosta si rompe con la zappa o con il sarchiello, ma nei terreni che tendono a formare facilmente e ripetutamente la crosta, vi suggeriamo di:

  • preferire il trapianto degli ortaggi alla loro semina;
  • spargere sul terreno uno strato, alto 0,5-1 cm, di compost o letame maturi (devono avere la consistenza del terriccio), oppure di terriccio da orto-florovivaismo, o di torba, o di torba mista a sabbia.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER