Fotografare gli uccelli: a “caccia” di attimi

maurizio-bonora-birdwatching-fotografia-naturalistica-uccelli-campagna-reflex
la Redazione
20 ottobre 2016

Sempre più persone si appassionano alla fotografia naturalistica e stanno aumentando anche le oasi naturali che installano capanni studiati appositamente per i fotografi. Questo crescente interesse favorisce sicuramente la protezione degli ambienti naturali

La regola principale di tutta la fotografia naturalistica è sempre quella della buona educazione e del rispetto per la proprietà altrui. Se si frequentano oasi naturali non ci sono problemi, poiché si passa attraverso un centro visite oppure attraverso ingressi comunque consentiti; se invece abbiamo intenzione di fotografare animali in campagna, dobbiamo ricordarci che la maggior parte dei fondi è proprietà di privati e deve essere nostra cura cercare di non fare danni calpestando le coltivazioni erbacee in atto o spezzando, anche involontariamente, rami di alberi da frutto. È fondamentale inoltre conoscere i limiti da non superare per non danneggiare gli animali con le nostre azioni.

Attrezzatura per fotografare gli uccelli

La fotocamera

Sul mercato vi sono modelli di tutti i tipi, comprese fotocamere compatte (cioè con ottiche fisse) dotate di zoom che raggiungono focali ragguardevoli. La scelta spesso cade però sulle reflex, cioè su quelle fotocamere che permettono di cambiare e montare obiettivi diversi a seconda della situazione e dello scatto che si vuole ottenere.

Gli obiettivi

Consentono di fotografare gli animali da una certa distanza diminuendo il rischio di spaventarli e, quindi, di farli fuggire.

Il flash

Il suo impiego non si limita a quando scarseggia la luce o si fotografa di sera, perché è di valido aiuto anche in pieno giorno.

Il cavalletto

La scelta del cavalletto, o treppiede, non è facile come sembra e si corre il rischio di spendere soldi inutilmente con l’acquisto di un accessorio che poi non si rivela adatto alle proprie esigenze, con conseguente nuova spesa per rimediare alla scelta sbagliata.

I moltiplicatori di focale

 

Tecniche per fotografare gli uccellimaurizio-bonora-birdwatching-fotografia-naturalistica-uccelli-campagna

Il metodo più redditizio per fotografare da vicino gli animali selvatici senza disturbarli è quello che prevede l’appostamento, per il quale si rende necessario il montaggio di un capanno. Senza si rischia di vanificare il lavoro. Contrariamente a quanto si può pensare, la fotografia dall’automobile consente di catturare buoni scatti in quanto gli animali di solito non hanno paura dei mezzi; proprio questo permette di avvicinarli a una distanza utile per la fotografia. Inoltre le strade di campagna che costeggiano i canali si prestano benissimo allo scopo. Infine c’è la caccia fotografica vagante, il metodo meno proficuo per ottenere immagini di uccelli a distanza ravvicinata ma che permette di fotografare uccelli in volo o animali inseriti nel loro ambiente ottenere, in questi casi, immagini di grande effetto.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

coniglio-selvatico Redazione
Riconoscere le tracce del coniglio selvatico Il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus) vive tipicamente nella macchia mediterranea, ma la sua grande adattabilità gli ha permesso di colonizzare vari tipi di ambiente. È presente pertanto dalla pianura alla… (continua)
Stormo pavoncelle – uccelli migratori Redazione
Uccelli migratori: l’importanza dei corridoi ecologici In campagna, nel corso dell’anno, osserviamo gli arrivi e le partenze di diversi uccelli migratori provenienti dall’Africa o dal Nord Europa. Rondini, rondoni e balestrucci, ma anche usignoli, gruccioni, upupe,… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER