Vigneto familiare: senza obblighi di legge

Vigneto familiare
la Redazione
3 marzo 2016

Non serve l'acquisto di quote o di diritti di impianto per coltivare un piccolo vigneto a uso familiare. Scopriamo quali regole rispettare

Per un vigneto familiare la superficie di vigneto ammessa è di massimo 1.000 metri quadrati (con cantina di trasformazione che non superi i 1.000 litri di vino prodotti). A queste condizioni non ci sono vincoli né obblighi di acquisire quote di impianto.

Oltrepassare questi limiti significa, invece, inserirsi in un’attività professionale e adeguarsi agli obblighi in materia di diritti d’impianto. Di conseguenza scattano anche l’obbligo di denuncia di produzione dell’uva e della cantina (con relativa planimetria, posizioni delle botti, ecc.) e la tenuta dei relativi registri di imbottigliamento. Perciò, se 1.000 litri di vino sono sufficienti per soddisfare i consumi familiari e di parenti o amici, il consiglio è di rimanere nel limite dei 1.000 metri quadrati.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

OLYMPUS DIGITAL CAMERA Vigneto
Eliminare le viti con malattie del legno prima della potatura invernale Prima della potatura delle viti eliminate tutte le piante che mostrano evidenti sintomi di malattie del legno (mal dell’esca ed eutipiosi), evitando di produrre grosse quantità di segatura infetta che,… (continua)
innesto triangolo 410×240 Frutteto
Innestare piante da frutto: i concetti base Affinché l’unione (attecchimento) delle due parti si verifichi regolarmente è necessario che si realizzino alcune condizioni fondamentali, e cioè: che esista affinità fra i due bionti; che la marza, di… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER