Imbianchimento del radicchio Trevigiano tardivo. Ecco come fare

radicchio tardivo trevigiano
la Redazione
17 novembre 2016

La raccolta del radicchio Trevigiano generalmente avviene da novembre a gennaio-febbraio, dopo che le piante hanno subìto almeno due brinate. Successivamente si procede con l'imbianchimento, operazione non banale ma applicabile anche nell'orto familiare

L’imbianchimento del radicchio Trevigiano tardivo si effettua in circa 30 giorni col seguente procedimento:

  • le piante vanno tolte dall’aiola (1) con la radice lunga attorno ai 15 cm e riunite in mazzi di circa 20-30 radicchi (2). La raccolta avviene da novembre a gennaio-febbraio;
  • se si hanno numerosi mazzi, questi si portano sotto tunnel arieggiati (3) per proteggerli dalle gelate. I radicchi vanno in seguito tolti scalarmente dai tunnel e sottoposti all’imbianchimento vero e proprio;
  • si collocano i mazzi in vasche di cemento (4) in cui scorre acqua di risorgiva che ha una temperatura di 11 °C e talvolta un po’ superiore; l’acqua non deve mai bagnare le foglie;
  • dopo un periodo massimo di 25 giorni di permanenza nelle vasche, bisogna spostare i radicchi in un ambiente non molto luminoso e con temperatura di 18-20 °C. Qui vengono collocati su uno strato di sabbia (oppure sabbia e terriccio, sabbia e torba);
  • dopo 4-5 giorni, quando hanno assunto le loro caratteristiche gustative e visive (5), si preparano per il consumo togliendo le foglie esterne e le parti guaste. La radice va raccorciata e ripulita (6) e non deve essere lunga più di 6 cm.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Compost alimentato con nuovo materiale Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
orto-biologico-crosta-superficiale Orto
Orto: crosta superficiale e perdita di fertilità Se nell’orto, dopo una pioggia o un’irrigazione, si osserva la superficie del terreno e non si riconoscono più le zolle, bensì un’unica formazione piatta e compatta, siamo in presenza della… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER