Come riconoscere una buona gallina ovaiola

Galline ovaiole
la Redazione
14 aprile 2015

Saper riconoscere una buona gallina ovaiola consente di tenere nel pollaio solo le migliori produttrici e aumentare così la quantità di uova

Come riconoscere una buona gallina ovaiola? Diversi possono essere i modi per valutare le migliori galline in fatto di produzione di uova. Il più semplice è la valutazione visiva, che spesso veniva utilizzata dalle massaie delle corti rurali quando, prima delle festività pasquali, individuavano le galline meno produttive da destinare alla mensa o da donare ai proprietari terrieri in cambio dell’uso dei terreni, mantenendo nel pollaio solo le migliori galline ovaiole.

Ci vuole occhio per riconoscere una buona gallina ovaiola

La produzione di uova è una fatica che mette a dura prova l’organismo di una gallina ovaiola, in quanto sono molte le sostanze che vengono trasferite all’uovo deposto. Quel che interessa, in questo caso, sono i pigmentanti giallo-rossi che vengono letteralmente sottratti dalla cresta, dal becco e dalle zampe della gallina. Sono i pigmenti che consentono al tuorlo di essere bello colorato.

Il gioco è presto fatto: confrontando galline della stessa età e allevate nello stesso modo, quelle che presentano una cresta meno rossa, becco e zampe pallidi e sono anche più magre e sciupate, sono quelle che depongono più uova, quindi i soggetti da mantenere ancora in allevamento. Dopo la muta e il riposo riproduttivo torneranno in gran forma.

video gallina ovaiola

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Quaglia selvatica Allevamenti
Ecco come allevare la quaglia La quaglia selvatica (Coturnix coturnix) è un piccolo uccello (80-100 grammi di peso) molto prolifico, allevato sia per la produzione di uova che di carne. La deposizione inizia già al… (continua)
Pecore Suffolk Allevamenti
Suffolk, pecora che non passa inosservata L’allevamento della pecora Suffolk in un pascolo recintato è naturale, non inquinante e a ciclo chiuso: il terreno fornisce l’erba, le pecore mangiano l’erba, i loro escrementi concimano il terreno,… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER