Vespa velutina: conoscerla e combatterla

Vespe Velutina Foto Enrico Miglietta – Copia
la Redazione
1 aprile 2016

La vespa velutina è una seria minaccia per l’apicoltura e la sua presenza va attentamente monitorata e prontamente combattuta

Nel caso in cui si osservi un consistente spopolamento degli alveari è necessario valutare la possibilità che sia causato dagli attacchi di Vespa velutina. Questo imenottero – introdotto in Francia dieci anni fa e individuato in Liguria a partire dal 2012 – è una seria minaccia per l’apicoltura: un solo individuo può uccidere migliaia di api. La lotta va fatta nella stagione primaverile-estiva mediante trappole di cattura degli adulti e con la distruzione dei nidi. Attualmente la sua presenza è segnalata e monitorata solo in alcune zone della Liguria e del Piemonte.

Le trappole di cattura

Per la cattura (e il monitoraggio) della vespa velutina si installano nelle vicinanze degli alveari trappole costituite da bottiglie di plastica trasparente non colorata dotate di tappi TapTrap®, impiegando come esca la birra chiara, in quanto è selettiva nei confronti delle api attirando solamente le vespe (l’esca rimane attiva per almeno 15 giorni).

>Sfoglia l'articolo

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Quaglia selvatica Allevamenti
Ecco come allevare la quaglia La quaglia selvatica (Coturnix coturnix) è un piccolo uccello (80-100 grammi di peso) molto prolifico, allevato sia per la produzione di uova che di carne. La deposizione inizia già al… (continua)
Pecore Suffolk Allevamenti
Suffolk, pecora che non passa inosservata L’allevamento della pecora Suffolk in un pascolo recintato è naturale, non inquinante e a ciclo chiuso: il terreno fornisce l’erba, le pecore mangiano l’erba, i loro escrementi concimano il terreno,… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER