2 modi di conservare i cavolini di Bruxelles

Cavolini di Bruxelles pronti per la raccolta
la Redazione
11 febbraio 2015

Anche in inverno l’orto regala buoni e succosi raccolti; per i cavolini di Bruxelles si ricorre al frigorifero e al congelatore

La raccolta dei cavolini di Bruxelles va fatta prima che i cavolini (o cavoletti) perdano consistenza, tendendo ad aprirsi. Quelli più compatti e sodi, dopo l’eliminazione delle prime foglioline esterne, se danneggiate, possono essere conservati in frigorifero (per la durata di 10-15 giorni) in sacchetti di polietilene forati.

Conservare i cavolini di Bruxelles più a lungo

Immergete i cavolini di Bruxelles, scegliendo quelli migliori (ben chiusi, pezzatura medio-piccola) in una soluzione di acqua e sale (1 cucchiaio di sale per 1 litro d’acqua) per 30 minuti. Successivamente, eliminate le foglie più esterne e divideteli secondo la grandezza. Scottate i cavolini di Bruxelles in acqua bollente per 3 minuti quelli piccoli, per 4 minuti i medi e per 5 minuti quelli più grandi; fateli raffreddare e scolateli per bene. Confezionate senza lasciare spazio libero, sigillate e mettete in congelatore (per la durata di un anno).

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Mele pronte per la raccolta Cucina
Sidro di mele fatto in casa Per prima cosa bisogna tagliare le mele a piccoli pezzi e metterle in un recipiente dove devono riposare per 6-8 ore a circa 12-15 °C, quindi si centrifugano. Il succo… (continua)
016#09289_(1111)-foto-16 Cucina
Il pane di San Martino È un pane che si presta ad accompagnare piatti a base di carni rosse, ma è delizioso a colazione, spalmato con marmellate o confetture non particolarmente dolci. Ingredienti: 400 grammi… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER