Come difendersi dalla ticchiolatura della rosa

Ticchiolatura rosa
la Redazione
8 marzo 2022

In questo articolo viene indicato l’utilizzo di prodotti fitosanitari in commercio e ammessi per la coltura in oggetto al momento della pubblicazione online. Verifica sempre, prima del suo utilizzo, che il principio attivo sia ancora registrato per questa coltura.

Responsabile della ticchiolatura è un fungo che si sviluppa a macchia sotto l’epidermide delle foglie provocando l’annerimento dei tessuti. Ecco come intervenire

Nei riguardi delle infezioni di ticchiolatura della rosa (Marssonina rosae), innanzitutto raccogliete e allontanate dal giardino le prime foglie macchiate per ridurre gli elementi infettanti del fungo. Alla comparsa delle prime infezioni, o nei periodi durante i quali le ore di bagnatura delle foglie e le temperature sono ottimali per lo sviluppo delle infezioni, effettuate un trattamento, ogni 7-10 giorni, utilizzando preparati a base di rame come poltiglia bordolese-20 (bio, irritante o non classificato), ossicloruro di rame-20 (bio, non classificato) alle dosi indicate in etichetta.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Compost alimentato con nuovo materiale Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
Giardino
Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER