Passeri, è allarme rosso! Monitoriamo la loro presenza

passero
la Redazione
4 luglio 2017

Uccelli da sempre tra i più conosciuti, i passeri sono in diminuzione ovunque e in alcune zone sono addirittura scomparsi. È un vero allarme rosso per questi volatili che da sempre hanno animato campagne e città

Non sarà certo facile arrestare il declino dei passeri, ma è senz’altro possibile aiutarli e contribuire a migliorare la qualità della loro vita sia intorno a casa sia in piena campagna.

  • In inverno (da ottobre a marzo) è utile porre delle mangiatoie sui balconi e nei giardini. Nel caso gazze e tortore invadano la mensa, sottraendo in breve tempo il cibo ai più piccoli commensali, è sufficiente chiudere la mangiatoia con una rete di plastica o di metallo a maglia larga (vanno bene quelle da recinzione), in modo che solo uccelli di piccole dimensioni possano accedere al cibo entrando tra le maglie della rete.
  • In campagna è bene, se possibile, lasciare delle zone non soggette a sfalcio per creare habitat favorevoli alle piante selvatiche che con le loro fioriture attirano gli insetti, cibo indispensabile durante lo svezzamento dei nidiacei.
  • Per la stessa ragione, utile è mantenere nel proprio spazio verde siepi, arbusti e cespugli e creare o conservare i piccoli stagni che favoriscono la presenza degli insetti necessari ai passeri per nutrirsi e nutrire la prole.
  • Utilissimo è salvaguardare in tutti i modi i nidi costruiti nel proprio spazio privato e installare (con largo anticipo sulla stagione riproduttiva, quindi già dall’autunno) dei nidi artificiali a cassetta nei giardini; questi servono per aiutare soprattutto la passera mattugia, una delle specie di passeri del nostro territorio.
  • Infine, suggeriamo di usare prodotti antiparassitari poco tossici o, se possibile, utilizzarne di meno o non utilizzarne affatto.

 

<Sfoglia l'articolo

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Compost alimentato con nuovo materiale Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
Giardino
Il giglio di Sant’Antonio è facile da coltivare Il giglio di Sant’Antonio predilige terreno fertile, possibilmente calcareo (non sopporta invece quello acido) e soprattutto ben drenato, perché come tutte le bulbose non tollera i ristagni d’acqua. A differenza… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER