3/3 Cosa fare nell’orto dopo la grandine: trattamenti con chitosano

Anguria danneggiata dalla grandine
la Redazione
5 giugno 2015

L'efficacia del chitosano rispetto a diversi batteri, funghi e virus è ormai dimostrata e ne consigliamo l'uso dopo i danni provocati dalla grandine

Se dopo la grandine si temono infezioni parassitarie, può essere molto utile eseguire alcuni trattamenti fogliari e/o radicali con prodotti a base di chitosano, uno zucchero derivato dalla chitina, una sostanza naturale presente nei tegumenti dei crostacei, degli insetti e nelle pareti cellulari dei funghi.

Il chitosano agisce come induttore di resistenza rispetto a diversi batteri, funghi e virus parassiti, stimolando le piante ad attivare forme di difesa interne contro eventuali infezioni iniziate nella fase precedente alla cicatrizzazione delle ferite. Numerose prove sperimentali condotte da enti di ricerca indipendenti (Università, per esempio), sia in Italia che all’estero, ne hanno dimostrato l’efficacia.

1/3 effettuare al più presto una sarchiatura

2/3 staccare tutti i frutti danneggiati

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER