Piante aromatiche e officinali: un’idea per proteggerle dal freddo

Protezione invernale per le piante aromatiche e officinali
la Redazione
31 ottobre 2014

Per proteggere le piante aromatiche e officinali dal freddo basta prendere una cassetta e imbottirla con foglie secche. Ecco come

Prima dell’arrivo delle forti gelate provvedete a riparare le piante aromatiche (‎timo, origano, basilico, rosmarino) e le piante officinali più sensibili al freddo (come lavanda e salvia).

Prendete: 1 cassetta di plastica, forbici, cesoie, pinzatrice, telo di plastica «pluriball» per imballaggi (150×25 cm), 4 tondini in metallo plastificato (o in legno) lunghi 40 cm e del diametro massimo di 2 cm, foglie secche di alberi o arbusti a foglia caduca.

Ecco come procedere. Con le cesoie tagliate il fondo della cassetta lungo i bordi (1), staccatelo completamente. Ritagliate dal telo pluriball una striscia lunga per foderare i fianchi della cassetta (2) e fissatela con la pinzatrice (3). Eliminate il telo pluriball che copre gli angoli della cassetta. Posizionate la cassetta in modo che la pianta ne sia avvolta e protetta (4), quindi ancoratela al terreno infilando all’interno di ciascun angolo un tondino (4), interrandolo per 5 cm.

Riempite con le foglie secche gli spazi vuoti tra la vegetazione della pianta e le pareti interne della cassetta; coprite infine la chioma con altre foglie (6).

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER