Porro infestato da larve, come intervenire

insetti porri larve mosche napomyza gymnostoma
la Redazione
4 settembre 2015

In questo articolo viene indicato l’utilizzo di prodotti fitosanitari in commercio e ammessi per la coltura in oggetto al momento della pubblicazione online. Verifica sempre, prima del suo utilizzo, che il principio attivo sia ancora registrato per questa coltura.

In primavera e in autunno le piante di porro possono essere infestate dalle larve di una mosca. Qui spieghiamo come riconoscerle e come evitarne lo sviluppo

Piante di porro infestato dalla mosca Napomyza gymnostoma, ormai comunissima nelle regioni settentrionali, presentano visibili pupari rossastri, formazioni affusolate dalle quali fuoriesce l’adulto. L’insetto compie due generazioni all’anno: una primaverile e l’altra autunnale. Delle due, la seconda è quella più dannosa in quanto avviene su piante giovani o trapiantate da poco. La presenza dell’insetto è resa evidente dalla comparsa di una serie di piccole lesioni biancastre lungo il bordo fogliare. Le larve che nascono compiono erosioni fogliari, scendendo lungo la parte interna della pianta per poi compiere la metamorfosi entro una struttura fusiforme (pupario) dal quale fuoriesce il nuovo adulto. Le giovani piante si perdono subito, soprattutto quelle trapiantate sul finire dell’estate, mentre quelle più sviluppate subiscono forti danni, divengono inutilizzabili e sono spesso aggredite da marciumi.

È opportuno intervenire alla comparsa delle lesioni biancastre e delle tracce lasciate dalle punture di ovodeposizione utilizzando deltametrina-1,63 (irritante), alla dose di 8 ml per 10 litri d’acqua, effettuando 2-3 interventi alla distanza di una settimana uno dall’altro. Per le piantine appena messe a dimora si può ricorrere a 2-3 interventi, sempre con intervalli di una settimana, utilizzando lo stesso insetticida.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Compost alimentato con nuovo materiale Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
impianto-irrigazione-orto Orto
Come irrigare gli ortaggi risparmiando tempo e acqua Nella gestione e nella cura dell’orto, l’irrigazione è senza dubbio l’operazione che richiede più tempo in assoluto, soprattutto in annate che presentano lunghi periodi siccitosi. Per ottimizzare il lavoro, e… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER