Quando e come raccogliere i cavolini di Bruxelles

Cavolini di Bruxelles pronti per la raccolta
la Redazione
11 novembre 2015

Per apprezzare a pieno la bontà dei cavolini di Bruxelles, occorre raccoglierli al momento giusto, cioè quando sono «maturi». Ci vuole solo un po' di... tatto

Il cavolo di Bruxelles è un ortaggio poco conosciuto dai piccoli coltivatori, nonostante resista bene al freddo e si adatti a differenti tipi di terreno. Le parti che si consumano sono le gemme ingrossate (cavolini o cavoletti) che si formano, sul fusto, alla base delle foglie, le quali si staccano scalarmente dal fusto man mano che la pianta cresce e che i cavolini di Bruxelles si ingrossano.

Raccolta dei cavolini di BruxellesIl tatto ci dice quando raccogliere i cavolini di Bruxelles

La raccolta dei cavolini di Bruxelles si effettua staccando a mano, o con l’uso di un coltellino affilato, quando sono ben formati, cioè non devono cedere sotto la pressione delle dita e il loro diametro è di circa 2,5 cm. Si raccolgono da ottobre fino a tutto febbraio, ma è da sapere che il prodotto di migliore qualità lo si ha dopo il verificarsi di alcune gelate. I cavolini di Bruxelles possono essere cucinati al forno con la besciamella, consumati lessati e conditi con sale, olio e aceto, ma sono altrettanto buoni con arrosti e formaggi, sia freschi che stagionati. Si conservano ottimamente sia in frigorifero che, per molto più tempo, in congelatore.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER