La potatura di allevamento della vite

Potatura di allevamento
la Redazione
24 aprile 2015

Ecco i nostri consigli per la corretta potatura di allevamento della vite nei primi due anni di sviluppo

1° anno

1-In primavera quando i germogli sorti dalla barbatella hanno raggiunto una lunghezza di 25-30 cm, si individua il germoglio migliore (a) e si cimano i restanti. Nel corso della stagione il germoglio scelto va legato a più riprese a un tutore verticale (tondino metallico o canna).
2-Al momento della potatura invernale (da eseguire verso fine inverno, per prevenire i danni da gelo), si ripulisce il tralcio dalle femminelle (germogli sorti lateralmente), lo si spunta a 20 cm sotto il filo portante e si fissa al tutore con 2-3 legature. I tralci cimati nella stagione vegetativa precedente vanno eliminati.

potatura vite allevamento vigneto

2° anno

3-In primavera, quando i germogli hanno raggiunto una lunghezza di 10-15 cm, si eliminano quelli inseriti nella porzione basale del tralcio selezionato (spollonatura), lasciando sviluppare quelli inseriti nella parte superiore. I grappoli presenti vengono solitamente eliminati.
4-Durante la potatura invernale successiva il migliore dei tralci ottenuti (b) viene steso e legato al filo e gli altri vengono eliminati.
Questo tralcio viene sostituito ogni anno nei sistemi di allevamento a tralcio rinnovato (Guyot, doppio capovolto, pergole), mentre andrà a costituire il cordone permanente nei sistemi che prevedono questa modalità di potatura (cordone speronato, Sylvoz, Casarsa, ecc.).potatura vite allevamento vigneto 2

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

OLYMPUS DIGITAL CAMERA Vigneto
Eliminare le viti con malattie del legno prima della potatura invernale Prima della potatura delle viti eliminate tutte le piante che mostrano evidenti sintomi di malattie del legno (mal dell’esca ed eutipiosi), evitando di produrre grosse quantità di segatura infetta che,… (continua)
innesto triangolo 410×240 Frutteto
Innestare piante da frutto: i concetti base Affinché l’unione (attecchimento) delle due parti si verifichi regolarmente è necessario che si realizzino alcune condizioni fondamentali, e cioè: che esista affinità fra i due bionti; che la marza, di… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER