Riconoscere le tracce del coniglio selvatico

coniglio-selvatico
la Redazione
16 dicembre 2016

Animale principalmente notturno che trascorre le giornate nascosto in una tana, può capitare di scorgerlo al mattino presto, nel tardo pomeriggio o quando il cielo è molto nuvoloso. Per scorgere la sua presenza è possibile notare alcune tracce

Il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus) vive tipicamente nella macchia mediterranea, ma la sua grande adattabilità gli ha permesso di colonizzare vari tipi di ambiente. È presente pertanto dalla pianura alla montagna, fino a 1.000 metri di altitudine. Nel piano frequenta le dune, le pinete litoranee, le macchie boschive, i terrapieni lungo le linee ferroviarie e luoghi aperti con macchie cespugliose. Nei rilievi e in montagna sceglie ambienti rocciosi, con terreni asciutti e moderatamente argillosi in cui poter scavare le tane. Il rapporto di questo animale con l’agricoltura non è ottimale: esso può infatti provocare seri danni alle coltivazioni se presente in numero abbondante.

Le tracce della presenza del coniglio selvatico

La tana solitamente è scavata in terreni sabbiosi e collinosi ricoperti di arbusti, ma può anche capitare che essa sia presente in argini erbosi senza troppa copertura. si possono notare più tane ravvicinate, unite al loro interno da un intreccio di gallerie.

Gli escrementi consistono in palline del diametro di 7-10 mm, scure e lucenti se fresche, altrimenti più chiare e molto secche.

Le orme si notano soprattutto se il terreno è innevato. La zampa anteriore del coniglio selvatico misura circa 2,5 cm di larghezza e circa 3 cm di lunghezza; quella posteriore misura circa 3 cm di larghezza e circa 4 cm di lunghezza.

Le piste si differenziano a seconda dell’andatura che può essere «a lepre» (a), durante la quale il coniglio non tiene le zampe anteriori appaiate, oppure andatura «a scoiattolo» (b). L’impronta più lunga è quella lasciata dalle zampe posteriori.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Potrebbe interessarti anche

Messa a dimora di viole
Fiori invernali, piantate viole del pensiero e viole cornute Piantate viole del pensiero e viole cornute entro fine autunno, evitando però i giorni di freddo intenso. Incuranti del gelo e della neve fioriranno e coloreranno il giardino per tutto l’inverno, sino a primavera inoltrata. Solo… (continua)
cardellino-carduelis-carduelis-mangiatoia-uccelli-della-campagna
Come costruire una mangiatoia per uccelli selvatici Premesso che è dannoso abituare gli animali a trovare cibo in una stessa zona se poi ne può cessare repentinamente la fornitura e che l’alimentazione artificiale deve cessare con l’arrivo della bella stagione, cioè quando è… (continua)

Approfondimento

rugiada 410×240 Redazione
23-24 giugno: è la notte magica di San Giovanni Secondo i proverbi contadini la rugiada che scende all’alba della notte tra il 23 e il 24 giugno ha proprietà magiche che si effondono sulle erbe di giardini, prati e… (continua)
coniglio-selvatico Redazione
Riconoscere le tracce del coniglio selvatico Il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus) vive tipicamente nella macchia mediterranea, ma la sua grande adattabilità gli ha permesso di colonizzare vari tipi di ambiente. È presente pertanto dalla pianura alla… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER